AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE giovani

Trans Military ban, Lady Gaga contro Donald Trump a difesa dei transgender

Lady Gaga contro Donald TrumpROMA – Continuano negli Stati Uniti le proteste sul divieto di ingresso nell’esercito imposto dal presidente Donald Trump ai transgender. A scendere in campo contro questa decisione anche il mondo dello spettacolo.

Lady Gaga contro Donald Trump: i tweet della cantante

Ad “alzare” la voce ci ha pensato Lady Gaga che su Twitter ha sottolineato come questa scelta metterà a rischio molte vite. “Il messaggio che hai inviato mette a rischio le vite delle persone in tutti gli Stati Uniti e che oltremare servono con coraggio la nostra nazione”, ha scritto la cantante in uno dei tanti tweet.

“Molte di queste giovani persone sono transgender e soffrono ogni giorno esattamente per il tipo di isolamento e prese di mira che sono incoraggiati dal tuo messaggio – ha continuato Miss Germanotta -. @POTUS sinceramente lo sapeva che nel gruppo che ha escluso il 45% delle persone tra i 18 e i 24 anni ha già tentato il suicidio?”. Infine, conclude la star: “nella comunità trans ci sono anche molte persone forti e coraggiose. Dovrebbero poter servire il Paese se lo vogliono. E di ricevere onore per questo”.

Lady Gaga contro Donald Trump. Con lei anche altre star

Secondo Lady Gaga il provvedimento di Trump avrebbe solo effetti negativi sulla salute mentale dei transgender che, da sempre, lottano contro ogni tipo di isolamento e prese in giro. La cantante, dal canto suo, è sempre stata paladina dei diritti LGBT. Tante le volte in cui si è esposta per difendere o incoraggiare la comunità a non abbattersi.

Nella questione Trans Military Ban non è, però, intervenuta solo Lady Gaga. Contro Donald Trump anche artiste come Miley Cyrus e Demi Lovato. “Ho il cuore spezzato oggi – ha scritto Miley-. Non cancellate i nostri progressi per favore! Abbiamo fatto tanta strada!”.

28 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988