AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

Dalla Regione l’ok allo stato di calamità per la laguna di Orbetello

orbetelloLa Giunta regionale approverà nella seduta di stasera la delibera per proclamare lo stato di calamità naturale nella laguna di Orbetello (Grosseto), dove nei giorni scorsi si è assistito per mancanza di ossigeno ad un’ingente moria di pesci con danni economici per la pesca pari a 10 milioni di euro. A farlo sapere è l’assessore regionale con delega all’Ambiente, Federica Fratoni a margine dei lavori del Consiglio regionale: “Abbiamo concordato col sindaco, che partisse la richiesta che e’ partita ieri mattina. E nella Giunta che fra poco si riunirà assumeremo le decisioni tecnicamente conseguentemente proprio per attivare lo stato di calamità, secondo le indicazioni che ci daranno i tecnici”. Questo e’ un caso “abbastanza particolare- specifica- pero’ faremo tutto nei tempi piu’ rapidi in modo che si possano attivare quei percorsi che consentano di portare le risorse sul territorio”.

Il sostegno nei confronti del Comune si traduce nella decisione di “procedere all’operazione di insufflaggio di ossigeno per riportare i livelli di ossigeno presenti nell’acqua ai livelli accettabili- sottolinea- c’e’ da dire che leggevo dichiarazioni, alcune anche pubbliche, che dicono che ci troviamo di fronte ad una situazione nella quale quel tratto di mare risulta il piu’ caldo del bacino del mediterraneo. Solo il tratto fra la Libia e l’Egitto ha le stesse temperature. Se a questo aggiungiamo poi il vento di scirocco e una situazione anche perdurante, perche’ in realta’ della laguna ci stiamo occupando da dieci giorni, questo ovviamente e’ un caso eccezionale. Sono passati 60 anni dall’ultima ondata di questa consistenza”.

La Regione sta monitorando in tempo reale l’evoluzione della situazione, “insieme alla Provincia e al Comune- sottolinea- in modo da fare il punto della situazione acquisendo le risultanze del comitato scientifico e poi c’e’ tutta la partita che non riguarda il mio assessorato ma mi sono sentita di visitare anche la cooperativa dei pescatori locali che sono 100 posti di lavoro, un’attivita’ molto importante per quella zona. Immagino, anzi sono sicura, che gia’ da questa sera la Giunta regionale assumera’ tutte le iniziative del caso per attivare anche la calamita’ e dunque la possibilita’ anche di attingere a fondi statali, perche’ purtroppo li’ dobbiamo rivolgerci”.

28 luglio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988