AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

A Bologna la torre dell’Orologio aperta al pubblico? Il Comune ci sta lavorando/FOTO e VIDEO


BOLOGNA – Torre dell’Orologio, che svetta su Palazzo D’Accursio, aperta al pubblico? Per il momento non ci sono date certe, ma in Comune la macchina operativa è partita con l’obiettivo di arrivare a una soluzione in tempi brevi, per aprire alle visite turistiche sia sulla terrazza con affaccio su piazza Maggiore che nella lanterna in cima alla torre, passando per il meccanismo dell’orologio. Dalla proposta lanciata nelle scorse settimane dal sindaco Virginio Merola attraverso la sua newsletter (che fissava come obiettivo l’estate 2018), si è infatti arrivati al sopralluogo conoscitivo della commissione Turismo, avvenuto questa mattina alla presenza dell’assessore al Bilancio Davide Conte, da cui non sono emerse particolari criticità se non interventi di messa a norma di scale e parapetti come evidenziato dagli uffici tecnici comunali.

La prossima mossa sarà il completamento di un progetto di fattibilità per i lavori di manutenzione e restauro “entro l’estate”, per poi cominciare l’iter con la Sovrintendenza. “L’obiettivo è duplice: far scoprire ai cittadini un luogo di straordinaria bellezza della nostra città e far quadrare i conti come abbiamo fatto col Teatro anatomico e con il progetto card musei- spiega Conte- il nostro obiettivo è creare un nuovo modo di promuovere la cultura che sia anche sostenibile dal punto di vista economico, evidenziando che a Bologna con la cultura si mangia“. L’altro aspetto del progetto riguarda infatti la sostenibilità economica, come ad esempio il costo del biglietto per la visita, per “garantire equilibrio e risorse per sviluppare altre iniziative culturali” conclude Conte.

di Davide Landi, giornalista

28 giugno 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988