Lorenzin: "Aumentare il costo delle sigarette per combattere il fumo" - DIRE.it

Sanità

Lorenzin: “Aumentare il costo delle sigarette per combattere il fumo”


ROMA – “Sono assolutamente d’accordo con la proposta degli oncologi italiani di aumentare il costo delle sigarette. Sono convinta che prima o poi ci riusciremo”. L’ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin intervenendo oggi all’inaugurazione del XIX Congresso Aiom a Roma e riprendendo positivamente una delle battaglie portate avanti dal presidente degli oncologi italiani, Carmine Pinto.

“L’aumento deciso dei prezzi delle sigarette è una precisa richiesta avanzata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ai vari Paesi- ha detto il ministro- e questo è uno strumento di politica sanitaria proposto per dissuadere dal fumo o dall’inizio dell’abitudine al fumo. In Italia abbiamo proprio il problema che i giovanissimi fumano troppo ed un prezzo del pacchetto sensibilmente alto può essere uno strumento di allontanamento e dissuasione”.

“Noi tutti- continua il ministro- dobbiamo intercettare le famiglie e la scuola, parlando con un linguaggio comprensibile in grado di promuovere e radicare comportamenti responsabili, ben sapendo che la correlazione tra fumo e neoplasie polmonari è una certezza incontrovertibile. Dobbiamo essere tutti impegnati nella diffusione presso i più giovani della capacità di amarsi di più, e la battaglia al fumo è parte integrante di questa direzione positiva con cui affiancare i più giovani nella loro crescita responsabile”.

Ha concluso Beatrice Lorenzin: “Avere città cancer free: questo è il nostro obiettivo finale. Città più sane, forti nella prevenzione, capaci di diffondere stili di vita in grado di portare le persone della terza e della quarta età a vivere bene. Abbiamo quindi bisogno che la scienza accompagni i decisori politici e gli amministratori nell’impostazione di stili di vita veramente salutari. È un modo per aiutare la società a vivere meglio”.

27 ottobre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»