VIDEO | A Catania stupro di gruppo su 19enne americana, 3 arrestati. Tutto filmato col cellulare

In manette due 19enni e un 20enne: l'hanno abbordata in una bar e poi convinta a seguirli. Lo stupro, avvenuto la notte del 15 marzo, è stato filmato con i cellulari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Tre giovani sono stati fermati dai carabinieri del Comando provinciale di Catania che hanno fatto luce su una violenza sessuale di gruppo ai danni di una ragazza straniera di 19 anni. Si tratta di Roberto Mirabella, 20 anni, e dei 19enne Salvatore Castrogiovanni e Agatino Spampinato.

Gli abusi risalgono alla notte del 15 marzo quando la ragazza, che lavora come babysitter, si è recata in un bar di Catania con un’amica: quì è stata avvicinata dai tre, che dopo averle offerto qualche drink l’hanno convinta a spostarsi da sola in un altro bar.

Dopo la successiva tappa, e una volta in strada, l’hanno obbligata a salire su un’auto: inutili i tentativi della ragazza di chiamare il 112: uno dei tre l’ha bloccata spingendola sul sedile posteriore dell’auto, che si è diretta nei pressi di piazza Europa dove i tre hanno abusato sessualmente della ragazza riprendendo il tutto con i loro telefonini.

L’indomani, dopo avere confidato il tutto alla madre e alla sorella al telefono, la giovane ha raccontato tutto alla famiglia che la ospita come ragazza alla pari e da qui la denuncia ai carabinieri.

 

Un pool di magistrati specializzato nei reati che riguardano la violenza di genere ha ricostruito la vicenda e la ragazza ha identificato i tre autori della violenza sessuale fornendo anche alcuni file audio e video fatti all’interno del bar. Uno dei tre, inoltre, la mattina successiva ha inviato un video in cui la invitava a un nuovo incontro, mostrandosi addirittura “compiaciuto – sostengono i carabinieri – del reato commesso”.

I tre adesso si trovano nel carcere Piazza Lanza, con il gip che ha disposto la custodia cautelare in carcere su richiesta del pm.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»