Campania

Masterplan per la Campania, De Magistris attacca: “Pagina vergognosa”

de magistrisROMA – “Ieri si e’ scritta una delle pagine istituzionali piu’ vergognose“. Lo dice il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, in un videomessaggio a proposito della firma del Masterplan per la Campania (LEGGI QUI). “Il presidente del consiglio, con la sua candidata Valente al seguito, il presidente della regione, che scende in campagna elettorale” dice De Magistris- hanno utilizzato “la Prefettura, luogo della citta’, per consentire al presidente del consiglio di fare campagna elettorale per la Valente. In quella firma non c’e’ nulla. Un masterplan in cui nessuno ha dato conto di nulla”. E’ stata, dice il sindaco di Napoli, “una incursione nella citta’ di Napoli da parte del consiglio dei ministri circondato da poliziotti e carabinieri. Ci sentiamo feriti quando si cerca di interrompere un processo istituzionale con i mezzi della vecchia politica. Napoli e’ la citta’ dei napoletani che credono nel riscatto”.

Al sindaco di Napoli risponde il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti. “Non si permetta De Magistris, che si rifiuta di fare il suo dovere di sindaco verso i cittadini di Bagnoli, di parlare di truffa. Il Patto per la Campania prevede interventi concreti per 9,5 miliardi, di cui 2,780 miliardi messi a disposizione dal Governo sul Fondo Sviluppo e Coesione e gli altri su ulteriori risorse nazionali, oltre che dai programmi operativi della Regione Campania. Questi sono numeri e fatti, noi non stiamo certo ad aspettare lui”. Così replica alle affermazioni del Sindaco di Napoli sul Patto per la Campania. “Quello per la Campania firmato ieri a Napoli – conclude De Vincenti – e’ il primo di tredici Patti che verranno sottoscritti nelle prossime settimane con le Regioni e le Città metropolitane che condividono insieme al Governo l’obiettivo della rinascita del Mezzogiorno. A De Magistris lasciamo le chiacchiere e la propaganda“.

 

25 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»