AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE giovani

Amazon sfida Spotify, in arrivo tanta musica

Amazon musicaROMA – Apple Music, Spotify e ora Amazon. Si affolla il panorama della musica in streaming e la guerra tra i colossi del web si fa dura. Con tante offerte in giro a beneficiarne dovrebbero essere i consumatori ma, a ben guardare, non è così. I costi degli abbonamenti sono praticamente tutti uguali e le differenze tra i servizi offerti poche e, spesso, trascurabili.

Amazon, a settembre in arrivo una pioggia di note

Mancano ancora molti accordi commerciali con le major ma Amazon è sicura di poter offrire il suo servizio di musica in streaming già nel prossimo mese di settembre. Secondo Re/code, sito americano specializzato in notizie tecnologiche, due gli abbonamenti proposti dal colosso delle vendite online. Il primo dovrebbe avere un costo di abbonamento pari a 10 dollari al mese, proprio come quello di Apple pari a 9,99 dollari. Nessuna interruzione pubblicitaria e possibilità di costruzione delle proprie play list senza dover per forza ascoltare riproduzioni casuali. Il secondo abbonamento dovrebbe aggirarsi sui 5 dollari al mese. Per avere un servizio così abbordabile gli utenti dovranno essere in possesso di Echo. Quest’ultimo è un servizio esclusivo di Amazon senza il quale non si potrà ascoltare la musica e usufruire dello “sconto”. Proprio su questa tipologia di abbonamento mancherebbe l’ok delle grandi case di produzione musicale.

apple-music-vs-spotify-rdio-googleApple Music, un vero e proprio colosso

Il servizio di musica in streaming della “mela morsicata” è nato appena un anno fa ma già conta milioni di utenti paganti. Per la precisione sono circa 15 milioni gli abbonati che sborsano i 9,99 dollari al mese per ascoltare musica. Nessuno sconto previsto se non un brevissimo abbonamento in prova gratuita.

Spotify, la più vecchia

Nel caso di Spotify possiamo già parlare di tradizione. Il servizio di musica on line vanta, infatti, una storia risalente al 2008. Gli utenti attivi sono ben oltre i 100milioni ma quelli paganti solo 30. Spotify è l’unica azienda, ed è qui la sua forza, a offrire musica in forma gratuita anche se con alcune restrizioni.

24 agosto 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988