In Liguria rinasce Villa Zanelli, sarà museo del mare e hotel di charme/FOTO - DIRE.it

Liguria

In Liguria rinasce Villa Zanelli, sarà museo del mare e hotel di charme/FOTO

GENOVA – Un museo del mare e della balneazione, un hotel de charme e il recupero di un parco storico di circa 8.000 metri quadrati, con 80 alberi di grosso fusto e accesso diretto alla spiaggia. Sono i tre elementi portanti del progetto di riqualificazione di Villa Zanelli a Savona, un gioiello liberty chiuso e abbandonato dal 1998,. Il piano di riqualificazione, a partire dal rifacimento delle facciate, è stato presentato questa mattina nella sede della Regione Liguria, a Genova. “Villa Zanelli è un gioiello liberty del Mediterraneo, non solo della nostra regione- commenta il governatore ligure, Giovanni Toti- che giaceva in uno stato di abbandono da molti anni. Con la presentazione di questo progetto, manteniamo le promesse e rispettiamo l’impegno di dare vita a una nuova struttura polifunzionale che servirà da supporto all’offerta turistica e culturale di Savona e mi auguro possa essere elemento centrale della riqualificazione di tutto il waterfront di quella zona”.

Da piazza De Ferrari arrivano poco più di 5 milioni di euro che, tuttavia, potrebbero essere riorientanti sempre nella riqualificazione del waterfront della città della Torretta se il progetto dovesse essere finanziato dal bando statale per il recupero delle periferie, per cui il Comune di Savona ha chiesto di 18 milioni di euro. Intanto, è iniziata la progettazione degli interventi a cura di Ire, agenzia regionale ligure per le infrastrutture e il recupero dell’energia. Il museo sorgerà al piano terra della villa, mentre all’albergo saranno destinati il primo e il secondo piano, con sette camere di lusso e ristorante panoramico sul tetto. Per quanto riguarda il parco storico, infine, il restauro prevede il censimento botanico, la cura e la manutenzione delle essenze e la trasformazione in luogo di accoglienza aperto al pubblico. Il progetto definitivo sarà approvato a luglio per poi arrivare alla progettazione esecutiva nel gennaio 2018 e all’avvio dei lavori a giugno. Anche l’assessore regionale all’Urbanistica, Marco Scajola, sottolinea “l’importanza del recupero di un bene che era in una situazione di abbandono e di degrado da anni e con in più il vincolo della cartolarizzazione. Oggi possiamo dire che si parte con il rilancio non solo della Villa, ma anche del giardino che avrà un interesse pubblico. Nel progetto saranno coinvolti anche i privati, ma è importante sottolineare che la struttura sarà riqualificata e rilanciata”. Visibilmente soddisfatto il sindaco di Savona, Ilaria Caprioglio: “La villa è stata chiusa nel 1998, tra un anno da oggi possiamo dire che inizieranno i lavori: dopo 20 anni di abbandono, partiremo con il miracolo”.

di Simone D’Ambrosio, giornalista

24 maggio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»