VIDEO | De Magistris: “Tifo per la rottura del contratto Lega-M5s”

"Se si rompe il contratto penso sia una buona notizia per il Paese", dice il sindaco di Napoli. Salvini e Di Maio litigano "ma alla fine trovano sempre la quadra perché si sono già molto abituati ad una poltrona"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Se si rompe il contratto penso sia una buona notizia per il Paese. Sono un sostenitore della rottura”. Così Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, a margine del convegno in cui il Comune ha incontrato l’Agenzia nazionale per i giovani, ha risposto sulla questione trivelle e dell’accordo di governo tra Il Movimento 5 stelle e la Lega.

“Adesso – prosegue il primo cittadino – mi diranno che dopo aver violato la legge sicurezza voglio non far adempiere a un contratto così solido. Siamo in campagna elettorale, devono far vedere che litigano perché devono prendersi più voti e vedere chi è più bravo tra M5S e Lega. Non credo a queste sensibilità che portino eventualmente a rottura, alla fine trovano sempre la quadra perché si sono già molto abituati ad una poltrona“.

Due gli argomenti che preoccupano de Magistris. “Sono preoccupato del fatto che tutte le promesse elettorali non le stanno mantenendo: terzo valico, Taranto, trivelle, terre dei fuochi, acqua pubblica e altri temi noti. I cittadini se ne stanno accorgendo ed è per questo che il governo, nel paese reale, perde consenso. Questo – conclude – non vuol dire che c’è già un’alternativa a questo governo, anzi, allo stato alternative politiche non ci sono ancora e noi lavoriamo perché ci possa essere al più presto perché altrimenti sì che sono preoccupato, da sindaco, da cittadino italiano e da cittadino europeo”.

di Elisa Manacorda

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»