Siria, coalizione Usa fa strage di civili: 225 in un mese, 44 bambini e 36 donne


ROMA – Cifra record di morti tra i civili in Siria: 225 persone – di cui 44 bambini e 36 donne – hanno perso la vita a causa degli attacchi aerei condotti dalla Coalizione internazionale guidata da Washington nel paese arabo. La denuncia arriva dall’Osservatorio siriano per i diritti umani (Sohr).

La strage di innocenti e’ avvenuta in 30 giorni, nel periodo compreso tra il 23 aprile e il 23 maggio. Come sottolinea l’Osservatorio – che da Londra raccoglie e verifica le testimonianze delle persone e dei media in Siria – questi attacchi della Coalizione hanno riguardato le “zone di sicurezza”, ossia quelle quattro aree in cui il 6 maggio scorso e’ stato avviato il processo di de-escalation delle violenze, frutto dei negoziati di Astana tra governo siriano e rappresentanti di alcuni gruppi di opposizione, sponsorizzati da Russia, Turchia e Iran.

In particolare, dal 6 maggio ad oggi i morti registrati tra i civili sono stati 173. Al di fuori di queste zone invece, al 21 maggio, sono state contate 304 vittime, di cui 72 rimaste uccise dai raid aerei, 131 dalle bombe della Coalizione, 72 dagli attacchi del gruppo Stato islamico, che ha anche compiuto 19 esecuzioni.

23 Mag 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»