Ilva, Di Maio: “La migliore intesa possibile nelle peggiori condizioni possibili”

Il vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio lo dice annunciando le dimissioni dei tre commissari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il lavoro dei tre commissari straordinari Ilva Corrado Carrubba, Piero Gnudi ed Enrico Laghi “ha portato alla chiusura dell’accordo ILVA/Arcelor Mittal: la migliore intesa possibile nelle peggiori condizioni possibili”. Il vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio lo dice annunciando le dimissioni dei tre commissari.

Un lavoro “grazie alla quale abbiamo preteso e ottenuto che non fosse licenziato alcun lavoratore e che fossero decisamente migliorati i termini ambientali definiti nell’accordo del 2017- dice Di Maio- Un lavoro di squadra che non dimenticherò”.

“A ore- continua Di Maio- saranno individuati i nuovi commissari che per il prossimo mese e mezzo affiancheranno i commissari uscenti per occuparsi di tutte le vicende relative ad Ilva. Voglio personalmente ringraziare Corrado Carrubba, Piero Gnudi ed Enrico Laghi per il senso delle istituzioni dimostrato e per il lavoro svolto insieme a partire da giugno 2018”.

Ora, prosegue il ministro, “inizia la Fase 2, nella quale non ci si limiterà alla gestione della procedura di amministrazione straordinaria, ma in cui progetteremo e realizzeremo il futuro di Taranto, concentrandoci in particolare sulle attività di bonifica e sul rilancio economico e sociale del territorio. L’appuntamento è per domani, mercoledì 24 aprile a Taranto, con la prima seduta del Tavolo Istituzionale Permanente a guida del Ministero dello Sviluppo Economico”.

LEGGI ANCHE:

Ilva, il 24 arriva Di Maio ma i genitori di Taranto attaccano: “Non ti vogliamo”

Ilva, Bonelli: “A Taranto tornati altissimi i valori della diossina”

L’attore Riondino contro Di Maio: “Taranto ha subito una truffa politica”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»