Torna ‘Più libri più liberi’, a Roma cinque giorni di storie e scrittori

riviste_biblioteca_libriROMA – ‘Sono tutte storie’. E’ questo il claim della quindicesima edizione di ‘Più libri più liberi’, la Fiera della Piccola e media editoria che si svolgera’ a Roma dal 7 all’11 dicembre al Palazzo dei Congressi dell’Eur. Come da tradizione saranno cinque giorni di incontri, dialoghi, workshop a cui parteciperanno scrittori italiani e internazionali, poeti, illustratori, fotografi e giornalisti.

A inaugurare la fiera sara’ il romanziere anglo-pakistano Hanif Kureishi, capofila di una schiera di autori stranieri provenienti da tutto il mondo. Tra gli altri Friedrich Ani, Harry Parker, Lena Andersson, Laura Lindstedt, Mircea Cartarescu, Valeria Luiselli, Marc Auge’, Dany Laferriere. Ancora più folto il gruppo degli italiani, che comprendera’ scrittori molto amati come Andrea Camilleri, Erri De Luca, Giorgio Fontana, Nicola Lagioia, Antonio Manzini, Valeria Parrella, Antonio Pennacchi, Paolo Di Paolo Chiara Valerio.

palazzo-dei-congressiTra gli ospiti che interverranno, con dialoghi o focus, anche Nanni Moretti, Marco Travaglio, Vittorio Sgabri Piero Angela, Luca Carboni, Gipi, Pif e Zerocalcare.

Si rafforza l’offerta per i ragazzi con il progetto ‘Più libri più grandi’ che permette agli studenti di incontrare scrittori, illustratori ed editori all’interno di laboratori interattivi. Confermato il ciclo di incontri ‘Più libri più idee’ a cura della Fiera di Aie, dedicato agli studenti universitari per far conoscere il lavoro e la creativita’ delle case editrici.

“Questa e’ l’edizione più bella in quindici anni di storia- ha detto il direttore della Fiera, Fabio Del Giudice, durante la presentazione al Tempio di Adriano- Lanciamo tanti autori stranieri che non si conoscono e questo e’ uno dei meriti della Fiera. Quest’anno si chiude un ciclo, il prossimo anno la Fiera si spostera’ in altra sede”. Tra le ipotesi in campo anche la nuova Nuvola di Fuksas.

22 Novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»