AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE welfare

Arsial dona magazzino a Sant’egidio, Rosati: “Aiuto concreto”/ Video

ROMA – E’ stato firmato questa mattina, presso la sede della Comunità di Sant’Egidio a Roma, il protocollo con cui Arsial ha donato un magazzino di sua proprietà, nel comune di Fiumicino, per stoccare le derrate alimentari. “Il progetto è molto importante. Si tratta di un magazzino che era abbandonato da un po’ di tempo, un terreno di 2.500 metri quadri in un punto molto bello, anche panoramico, al confine fra il comune di Roma e quello di Fiumicino, di proprietà dell’Arsial” ha dichiarato Antonio Rosati, amministratore unico di Arsial.

Leggi anche Agricoltura, Rosati (Arsial): “Vinciamo contro mafie se diamo lavoro”

“Ragionando insieme alla Comunità, che mi sottopose un problema importante di derrate alimentari necessarie per le mense che Sant’Egidio con i suoi volontari organizza, e per dare una risposta a chi ha difficoltà economiche, sociali e di solitudine, ho pensato che noi come Arsial e come Regione Lazio dovessimo dare un contributo fattivo”, ha proseguito.


Un impegno, quello di Arsial, molto apprezzato dalla Comunità di Sant’Egidio, come sottolineato da Francesca Zuccari, responsabile a livello europeo della Comunità: “Siamo molto contenti dell’acquisizione di questo magazzino, perché ci permette di migliorare la nostra distribuzione di generi alimentari e di generi di prima necessità alle persone in difficoltà”.

Leggi anche Da Comunità Sant’Egidio di Roma vaccini antinfluenza gratis per i clochard

“Sono circa 10mila coloro che, ogni anno, si rivolgono ai nostri centri per chiedere aiuto- ha spiegato Zuccari-. E’ evidente che tutto questo ha bisogno di una struttura, e con questo magazzino possiamo allargarci e migliorare anche l’offerta a chi viene a chiederci aiuto. Siamo anche molto contenti– ha concluso- che questo sia il frutto della collaborazione con un’Agenzia importante per il nostro territorio, che accende così una luce ulteriore sulle persone che sono in difficoltà”.

22 giugno 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram