Agricoltura, Rosati (Arsial): "Vinciamo contro mafie se diamo lavoro" - DIRE.it

Lazio

Agricoltura, Rosati (Arsial): “Vinciamo contro mafie se diamo lavoro”


ROMA – “Una giornata di grande interesse, con al centro la difesa della legalità”. È il convegno a cui ha preso parte Antonio Rosati, amministratore unico di Arsial, che si è tenuto all’Auditorium San Paolo a Frosinone, ‘Agromafie ed ecomafie – crimini contro il Creato e contro l’uomo’, organizzato dalla Commissione Diocesana per la Salvaguardia del Creato, dall’associazione di giornalismo ambientale Greenaccord  e da Coldiretti. Ai lavori, oltre ad Antonio Rosati, hanno preso parte il viceministro delle Politiche agricole, Andrea Olivero, l’assessore della Regione Lazio all’Ambiente, Mario Buschini, il presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo, ed alcuni esponenti della Guardia di Finanza.

“Ci sono state testimonianze straordinarie e interessanti”, ha spiegato Rosati. Oltre alle Forze dell’Ordine c’è stata una presenza importante delle scuole con molti studenti “e questo fa ben sperare. È emersa un’agricoltura sana e buona, quella che ho portato io a testimonianza” e “sono rimasto colpito da entusiasmo, passione e impegno emersi durante il convegno”. Durante l’incontro l’amministratore unico di Arsial ha raccontato il lavoro nelle scuole. Ci sono stati “molti spunti, molte riflessioni”, anche su un argomento delicato come quello “del mondo dei rifiuti”. E poi anche le forze dell’ordine, che hanno raccontato “loro successi contro la mafia. Ho portato l’esempio della terra che rimane un punto cruciale”.

Insomma una giornata “di grande interesse, che mi ha colpito e interessato. E la cosa più bella è stata la presenza di molti giovani”. Ha poi ribadito l’importanza di “preservare l’ambiente” e ha ricordato il ruolo di Arsial: “Vinciamo contro le mafie se diamo lavoro. È stata una giornata intensa, di cui credo a Frosinone si parlerà molto. Usciamo tutti più forti, è venuta fuori la parola d’ordine ‘insieme’, perché ‘insieme possiamo vincere'”.

21 aprile 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»