Più cooperazione contro le droghe: l’appello arriva dall’Onu

droghe

L’impegno a rafforzare la cooperazione per una societa’ libera dalle droghe e piu’ consapevole: e’ il minimo comune denominatore fissato in una dichiarazione approvata a New York al termine di un vertice delle Nazioni Unite sul traffico di sostanze stupefacenti.

Nonostante negli incontri al Palazzo di vetro non siano stati approvati documenti con potere vincolante per gli Stati, il direttore dell’Ufficio dell’Onu per il controllo delle droghe e la prevenzione del crimine (Unodc) Jurij Fedotov si e’ detto soddisfatto: “Questo vertice- ha detto- ha offerto un’opportunita’ decisiva in un momento chiave per costruire una maggiore consapevolezza delle sfide da affrontare”. Secondo il dirigente di Unodc, piu’ volte durante gli incontri e’ stata sottolineata la necessita’ di politiche anti-droga “che mettano le persone al primo posto”.

Il vertice e’ stato organizzato su richiesta dei governi di Colombia, Messico e Guatemala, Paesi alle prese con violenze diffuse legate al narcotraffico.

22 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»