VIDEO | I ‘Nocs’ della Polizia vestiti da Babbo Natale ‘assaltano’ l’Umberto I: è festa

Mattinata di festa per i bambini ricoverati all'Umberto I di Roma che hanno ricevuto la visita di una decina di Babbo Natale molto speciali.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sorrisi, applausi e tanti cori. Mattinata di festa per i bambini ricoverati nella Clinica pediatrica del Policlinico Umberto I di Roma che hanno ricevuto la visita di una decina di Babbo Natale molto speciali. Nelle vesti rosse, con barba bianca e cappuccio, alcuni uomini del Nocs della Polizia di Stato, che sono letteralmente ‘piombati’ tra i piccoli pazienti di pediatria dopo una discesa in corda, prima rimanendo sospesi in aria nel passaggio da un edificio a fianco, e poi scendendo a terra dal tetto della clinica pediatrica. Uno spettacolo che ha esaltato i bambini dell’Umberto I, rimasti a testa in sù, lontani per qualche momento da cure e terapie. Una volta a terra gli uomini del Corpo speciale della Polizia, travestiti da Babbo Natale con sacchi alla mano, sono entrati nei reparti per distribuire giocattoli tra i letti dei piccoli pazienti.
“Tutti gli anni- ha spiegato a fine evento il direttore del Umberto I, Vincenzo Panella– le Forze dell’ordine organizzano un momento natalizio con i bambini della clinica pediatrica. Quest’anno ad organizzarlo è stata la Polizia di Stato che ha fatto una cosa veramente particolare e che rimarrà sicuramente nella memoria. L’Umberto I – ha sottolineato Panella- prova a far passare un Natale il più sereno possibile ai ricoverati che non possono tornare a casa durante il periodo di feste. In particolare, in cima ai nostri pensieri ci sono i bambini e le famiglie che sono insieme a loro nei nostri reparti. Le Forze dell’ordine ci danno una mano donando questi momenti di letizia e distrazione che servono a portare il clima natalizio anche dentro una corsia d’ospedale. Noi siamo grati loro- ha concluso- e spero che quello di oggi sia stato anche per i nostri ospiti un momento di serenità, perché se lo meritano veramente”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»