Al via la campagna Ue per il sostegno all'istruzione nelle aree di crisi - DIRE.it

Europa

Al via la campagna Ue per il sostegno all’istruzione nelle aree di crisi


ROMA – Una campagna di comunicazione, intitolata #EUEducationEmpowers, è stata lanciata dalla Commissione europea per sensibilizzare il pubblico al ruolo svolto dall’Ue nel fornire accesso all’istruzione ai bambini che si trovano in zone di crisi umanitaria.

La campagna include un cortometraggio proiettato nei cinema, cartelloni pubblicitari/pubblicità e contributi sui social media. L’obiettivo è evidenziare quanto l’istruzione sia fondamentale per dare ai bambini in situazioni di emergenza un senso di normalità e sicurezza.

Non possiamo tollerare che esistano generazioni perdute e nessun bambino deve essere trascurato. L’istruzione salva vite in situazioni di emergenza e fornisce ai bambini e alle bambine delle vere competenze per il futuro. L’UE è in prima linea per fornire un’istruzione ai bambini in situazioni di crisi. La vita di ogni bambino dovrebbe essere una storia che merita di essere raccontata”, ha detto il commissario Ue per gli aiuti umanitari e la gestione delle crisi Christos Stylianides.

Nell’ambito delle sue attività di assistenza umanitaria, tra il 2012 e il 2017 l’Ue ha stanziato più di 200 milioni di euro in tutto il mondo a favore dell’istruzione in situazioni di emergenza. Più di 4,7 milioni di bambini in 52 paesi hanno beneficiato di questi finanziamenti che hanno permesso loro di accedere all’istruzione, di ricevere materiale didattico e hanno contribuito alla formazione di insegnanti e assistenti. Nel 2018 l’UE destinerà l’8% del suo bilancio per gli aiuti umanitari all’istruzione in situazioni di emergenza, una cifra record.

21 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»