Camorra, M5S: “Servono politiche di inclusione e scuole aperte il pomeriggio”

regione-campania33NAPOLI – “Mi emoziono e rabbrividisco nel leggere e ascoltare il lungo elenco di vittime innocenti uccise in Campania dalla camorra. La nostra regione non ha uguali in Europa per il tributo di sangue versato. Non si puo’ demandare solo alla magistratura e alle forze dell”ordine il lavoro di contrasto. Occorre che la politica a tutti i livelli e al di la’ delle appartenenze si assuma la responsabilita’ del cambiamento“. Lo dice Vincenzo Viglione, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e segretario della Commissione anticamorra.

“Raccolgo l”appello di Paolo Siani che nel corso dell”intitolazione dell”Aula del Consiglio a suo fratello Giancarlo ha invitato la politica regionale a fare uno sforzo, un balzo generoso e tenere aperte le nostre scuole tutto il giorno e realizzare progetti di inclusione nei quartieri piu” difficili dei comuni della Campania”. “Credo che la Regione debba inserire nella sua agenda questa priorita” – sottolinea Viglione – e” un dovere che abbiamo tutti rispetto a quel grido arrabbiato ”la camorra non vale niente” pronunciato oggi da migliaia di giovani e meno giovani per le strade della nostra Campania”. “Saremo sempre accanto a chi combatte la camorra ad ogni livello, dai piccoli gesti quotidiani fino alle grandi operazioni di contrasto all”economia criminale. Oggi sono qui ad Aversa – conclude Viglione – nel sostenere la memoria collettiva, i familiari delle vittime innocenti e chi con la propria testimonianza da un contributo di verita””

21 Marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»