A Roma il ‘presepe dei netturbini’, con oltre 3.000 pietre

Ideato nel 1972, il presepe si trova nella sede di Ama di via Porta Cavalleggeri ed è composto da 3.000 pietre provenienti da tutto il mondo. Ogni anno ha nuovi particolari.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Realizzato con oltre 3.000 pietre. Visitato, nel corso degli anni, da oltre 2 milioni di persone, 40.000 ogni Natale, tra cui diversi Papi. E’ il presepe dei netturbini, ideato nel 1972, la cui edizione 2018 è stata inaugurata ieri a Roma alla presenza del presidente dell’Ama, Lorenzo Bagnacani, e dell’assessore all’Ambiente del Comune di Roma, Pinuccia Montanari. Il presepe, allestito come da tradizione nella sede Ama di via Porta Cavalleggeri, è stato acceso dopo una messa alla presenza del cardinal Angelo Comastri, vicario generale del Papa, e celebrata da padre Mirco Perlee tti.

LEGGI ANCHE: A Napoli spunta Hitler tra le statuine del presepe

Realizzato completamente in muratura con calce, il presepe è composto da pietre provenienti da tutto il mondo e viene ogni anno arricchito di nuovi particolari dal suo ideatore, l’ex dipendente Giuseppe Ianni, con l’aiuto volontario e fuori orario di lavoro di alcuni operatori ecologici di zona. L’opera ricostruisce fin nei minimi dettagli lo stile delle tipiche costruzioni della Palestina di oltre 2000 anni fa e intende rappresentare, insieme alla natività, un’idea di pace e di fratellanza fra tutte le popolazioni della terra.

LEGGI ANCHE: VIDEO | I presepi? All’acquario di Cattolica sono sommersi

La visita al Presepe è gratuita ed è possibile tutto l’anno, secondo queste modalità: periodo natalizio (fino al 31 gennaio), comprese le domeniche e i festivi, tutti i giorni dalle 8 alle 20. Resto dell’anno (1 febbraio-14 dicembre), tutti i giorni dalle 9 alle 19 (domenica e festivi dalle 8 alle 11.30).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»