DIRE politica

Senato, dall’aula Sì alle dimissioni di Minzolini

ROMA – L’aula del Senato ha accolto le dimissioni del senatore Augusto Minzolini con 142 sì, 105 contrari e 4 astenuti. L’ex direttore del Tg1 aveva presentato le dimissioni da Palazzo Madama dopo essere stato condannato per peculato.

“Io non ho nessun obbligo, il mio è un gesto di coerenza politica. Questa non è la partita di ritorno del voto del 16 marzo, i giustizialisti quella partita l’hanno già persa”. Così il senatore di Forza Italia, Augusto Minzolini, prendendo la parola in aula al Senato prima del voto dell’assemblea sulle sue dimissioni. Come ricordato dall’ex direttore del Tg1, infatti, il 16 marzo l’aula del Senato aveva votato contro la decadenza da senatore, dopo il parere favorevole della Giunta per le Elezioni di Palazzo Madama ai sensi della legge Severino.

Quello, secondo Minzolini, è stato un voto “storico”, “una bella pagina” perchè “il Senato si è espressoin base alle convinzioni individuali e a scrutinio palese, non secondo logiche di partito: una conquista che ci riporta agli albori della nostra Costituzione”.

Il senatore dimissionario si scaglia poi contro Travaglio e il Fatto quotidiano per “il linciaggio mediatico” da parte di coloro che si ritengono “i paladini della libertà”, che hanno difeso la Costituzione in occasione del referendum ma che in realtà “non la conoscono affatto”. Minzolini ribadisce di voler sfidare il direttore Marco Travaglio in un confronto pubblico: “Sono 20 giorni che lo chiedo”, ricorda.

E poi tocca al Movimento 5 stelle che criticano il vitalizio “per poi intascarlo in silenzio”. Se fossero coerenti i parlamentari del M5s dovrebbero dimettersi in blocco “mettendo fine alla legislatura senza la tanto vituperata pensione”. La politica è fatta di “gesti e non solo di parole, ma loro non ne hanno il coraggio”.

Tante le citazioni di Minzolini, dal processo a Cristo a Giovanni Paolo II (“non abbiate paura” dice ai senatori) ad Aldo Moro quando ripeteva “non ci faremo processare nelle piazze”.

 

20 aprile 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram