Tre tonnellate di vongole veraci senza etichetta. La Gdf le sequestra e poi le rilascia in mare - DIRE.it

Emilia Romagna

Tre tonnellate di vongole veraci senza etichetta. La Gdf le sequestra e poi le rilascia in mare

BOLOGNA – Due furgoni isotermici fermati per un controllo, e a bordo sono saltate fuori tre tonnellate di novellame di vongole veraci privi di ogni tipo di documentazione, compresa quella sanitaria prevista per attestarne la provenienza. Lo ha scoperto ieri sera durante un normale controllo del territorio la Guardia di finanza nella frazione di Lido di Volano, in provincia di Ferrara.

PER IL RESPONSABILE MULTE SALATE

Nei confronti del responsabile, un padovano residente in provincia di Rovigo, sono scattate sanzioni amministrative comprese tra i 1.000 e i 6.000 euro, per le violazioni in materia di sicurezza alimentare, ma anche un’ulteriore sanzione prevista dalla normativa in materia di pesca e acquacoltura che, in virtù dell’ingente carico trasportato, è compresa fra i 12.500 e i 75.000 euro.

ALL’INGROSSO AVREBBERO FRUTTATO 20.000 EURO

I molluschi sequestrati, per un valore stimato all’ingrosso di circa 20.000 euro, erano verosimilmente destinati alla vendita in nero allo scopo di conseguire un ingente vantaggio economico con l’immissione in commercio del pescato a un prezzo notevolmente ricaricato, soprattutto in vista delle imminenti festività natalizie.

L’attività, svolta dal Nucleo mobile della tenenza di Comacchio, si inserisce nell’ambito dei controlli preventivi messi a segno dalla Guardia di finanza per fermare i traffici illeciti nella zone dei lidi comacchiesi. Al termine delle operazioni i molluschi sequestrati sono stati tempestivamente reimmessi in mare.

19 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»