A Bologna Sirio multa e ferma la 'limo', ma Difensore civico la salva - DIRE.it

Emilia Romagna

A Bologna Sirio multa e ferma la ‘limo’, ma Difensore civico la salva

torre asinelli bolognaNon solo viene multato più volte per l’ingresso nella Ztl, a cui però è autorizzato ad accedere, ma una di queste sanzioni a distanza di anni si trasforma nel fermo amministrativo di tre mezzi, compreso quello con cui lavora. E’ successo a Bologna al titolare di una società di Verona che effettua un servizio di affitto di limousine, che ha chiesto l’intervento del Difensore civico regionale Gianluca Gardini per risolvere il suo contenzioso con la Pubblica amministrazione.

E così è stato, dal momento che, dopo la richiesta di chiarimenti di Gardini, i verbali sono stati annullati e l’ingiunzione di pagamento cancellata. Già nel 2008 e nel 2009, spiega il Difensore civico, “questo signore aveva ricevuto due contravvenzioni poi annullate”. L’inconveniente “lo aveva spinto a chiedere l’iscrizione agli archivi di Sirio, il sistema che gestisce gli accessi alle Ztl”. Nonostante ciò, prosegue Gardini, nel 2011 “viene emesso un nuovo verbale di accertamento, che diventa un’ingiunzione di pagamento e poi un preavviso di fermo amministrativo”.

A quel punto l’uomo contatta la Polizia municipale per chiedere “la cancellazione del fermo amministrativo”, ma non avendo ricevuto alcuna risposta scrive allora al Difensore civico per un parere su “questo interminabile contenzioso”. In particolare, sottolinea l’autista, il Comune “ha emesso la procedura di fermo amministrativo su ben tre veicoli necessari all’attività d’impresa per una multa non dovuta di 284,02 euro“. A quel punto Gardini ha invitato il Comune ad “annullare la sanzione e il preavviso di fermo amministrativo”, in quanto “la richiesta di iscrizione negli archivi Sirio è antecedente all’accesso alla Ztl” e il fermo “appare illegittimo, dato che la vettura è strumentale all’attività di impresa”.

19 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»