Welfare

Tra memoria, educazione alla legalità e potenzialità del digitale: al Web Marketing Festival 2018 arriva un panel con ospiti di spicco

BOLOGNA – La tre giorni del Web Marketing Festival di Rimini aprirà ufficialmente le porte il 21 giugno: una 6^ edizione già pronta, anche quest’anno, ad offrire speech formativi, panel, talk e iniziative dedicate all’innovazione digitale e alle sue declinazioni in ambito sociale.

Dopo gli interventi di personaggi del calibro di Federica Angeli (La Repubblica) e di Tiziano Di Cara (ideatore della app NoMa e che interverrà anche in occasione di questa 6^ edizione del Festival all’interno del panel) nel 2017, tra i temi caratterizzanti di questa edizione del Festival torna il tema del digitale e la “Lotta alle Mafie”, con un panel dedicato in programma il 21 Giugno insieme a personaggi chiave e voci autorevoli.

Sarà il palco della Sala Plenaria del Palacongressi di Rimini, teatro che vedrà avvicendarsi importanti momenti di confronto, ad offrire un sentito e significativo spazio di riflessione e approfondimento dedicato, appunto, all’educazione e alla sensibilizzazione verso la cultura della legalità.

GLI OSPITI

Tra gli ospiti protagonisti del panel, in particolare, Angelo Corbo, uno dei poliziotti della scorta Falcone sopravvissuti alla strage di Capaci e impegnato quotidianamente in attività di promozione della legalità all’interno delle scuole. Salirà sul palco del Web Marketing Festival per riportare fatti e dettagli relativi all’attentato e al momento storico dell’epoca che hanno avvolto la vicenda.

Il suo intervento sarà preceduto da quello di introduzione tenuto da un altro testimone di tragici fatti dell’epoca. Anche Roberta Iannì, figlia dell’imprenditore Carmelo Iannì – assassinato da Cosa Nostra per aver collaborato alle indagini che condussero all’arresto del boss Gerlando Alberti – sarà tra gli ospiti che porteranno il proprio contributo.

Al filo della memoria, si lega anche quello relativo al prezioso contributo che l’avanguardia digitale ha saputo dare alle indagini e fatti dell’epoca e che potrà dare nei prossimi anni. Voce pionieristica sul tema sarà quella di Giovanni Paparcuri.

Autista del giudice Rocco Chinnici, Paparcuri è l’unico superstite dell’attentato che ha tolto la vita, oltre che all’ideatore del pool antimafia, anche al maresciallo Mario Trapassi, l’appuntato Salvatore Bartolotta e il portiere del palazzo Federico Stefano Li Sacchi. Paparcuri fu incaricato, infatti, di procedere all’informatizzazione dei processi e documentazioni del maxi processo che i giudici Falcone e Borsellino stavano preparando: un primo storico ruolo giocato da computer e programmi informatici all’interno di pratiche giudiziarie e indagini antimafia.

Una missione di promozione ed educazione alla legalità in cui non solo il digitale e l’innovazione vestiranno i panni dei protagonisti, ma dove anche il ruolo dell’informazione porta un peso specifico importante. A ricordarlo, spaziando tra passato e trend futuri, sarà il Direttore di Rai Sicilia Salvatore Cusimano, giornalista che, in qualità di corrispondente e inviato speciale, dal 1986 ha raccontato e scavato dentro i fatti di cronaca giudiziaria dell’epoca. Sarà invece Piergiorgio di Cara, scrittore, sceneggiatore e poliziotto italiano, il moderatore d’eccezione del panel in programma.

È una Sala Plenaria pronta, dunque, ad abbinarsi a speech che si terranno all’interno delle oltre 40 sale formative, e a fare il punto sul Digital Marketing e sull’Innovazione Digitale, ma anche ad approfondire temi connessi ad un processo di innovazione sociale che tocca contesti e mondi differenti.

Ogni volta che mi viene chiesto, descrivo sempre il Web Marketing Festival come uno strumento inclusivo che, partendo dal digitale e dall’innovazione, possa essere impiegato per lavorare alla costruzione di un contesto socio-economico migliore, trattando anche quelle tematiche che rischiano, altrimenti, di essere ignorate. Essere imprenditori oggi vuole dire farsi carico di azioni, attività e responsabilità che hanno un impatto sulla costruzione della società. Nell’anno in cui ricorrono i 35 anni della morte di Rocco Chinnici – padre del “pool antimafia” – non potevamo esimerci dal ricordare il lavoro svolto da uomini come lui e dagli uomini delle scorte. Un atto dovuto, per ricordare i protagonisti chiave nella lotta alla mafia e guardare alle possibilità offerte dal digitale nel promuovere e diffondere la cultura, appunto, della legalità” dichiara Cosmano Lombardo, Chairman del Web Marketing Festival. “Quello che andrà in scena sul palco della Sala Plenaria sarà un momento emozionante e d’ispirazione, che ci permetterà inoltre di capire come il digitale giochi un ruolo centrale nella lotta contro le mafie e nelle attività di educazione, informazione e sensibilizzazione verso la diffusione della cultura della legalità”.

19 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»