AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

“Sotto le stelle”, a Bologna 55 film in piazza Maggiore/FOTO

BOLOGNA – Ben 55 serate di proiezioni gratuite sul grande schermo montato in piazza Maggiore, dal 19 giugno al 15 agosto, per ‘Sotto le stelle del cinema’: il regalo che ogni anno la Cineteca di Bologna fa a migliaia di persone, che da metà giugno cominciano ad affollare la piazza principale del centro. Tutte le sere, dalle 21.45, quando fa buio, si accende uno degli schermi più grandi d’Europa, dove vengono proiettati dai vecchi classici restaurati alle pellicole più recenti. “Ogni giorno incontro una marea di cittadini che mi chiedono: quando comincia?”, racconta l’assessore alla Cultura del Comune di Bologna Bruna Gambarelli. ‘Sotto le stelle del cinema‘ comincia stasera, con un classico della comicità: ‘I figli del deserto‘, del 1933, con Stan Laurel e Olivier Hardy. Già da domani invece arriva in piazza Maggiore il primo ospite internazionale: il regista argentino Paolo Trapero, che porta il film che ha trionfato alla mostra del Cinema di Venezia 2015: ‘Il clan’.

Tanti gli ospiti che prenderanno parte a questa edizione di ‘Sotto le stelle del cinema’: da Vinicio Caposella a Paolo Virzì e Micaela Ramazzotti, solo per citarne alcuni. Dal passato al presente, da Ugo Tognazzi e Pietro Germi a Christopher Nolan e Quentin Tarantino, passando per film come la ‘Corazzata Potemkin’, che come dice il direttore della Cineteca Gian Luca Farinelli “non solo non è ‘una cagata pazzesca’ (come sosteneva Fantozzi, ndr), ma è anche un film meraviglioso”. Il restauro di questa pellicola del 1926 è solo uno dei prodotti di quello che possiamo chiamare il ‘cugino’ di ‘Sotto le stelle del cinema’, ovvero ‘Il cinema ritrovato‘; le due iniziative della Cineteca si incroceranno dal 24 giugno al 2 luglio, quando sul grande schermo di piazza Maggiore sarà possibile vedere grandi classici riportati alla luce.

di Michele Bonucci, giornalista

19 giugno 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram