VIDEO | Imprese, Calabria (Cna) : "Leva fiscale e burocrazia semplificata strumenti decisivi" - DIRE.it

VIDEO | Imprese, Calabria (Cna) : “Leva fiscale e burocrazia semplificata strumenti decisivi”

ROMA – “Un grande cambiamento ha bisogno di condizioni che lo favoriscano e di un ambiente stimolante. Per questo CNA propone di utilizzare la leva fiscale per agevolare il lancio e la diffusione dell’economia circolare, allargando l’orizzonte della sostenibilità e innescando un nuovo modello di sviluppo, in grado di conciliare interessi generali e legittime aspettative delle imprese ”. Lo ha affermato la vicepresidente di CNA con delega alle politiche di sostenibilità, ambiente ed energia, Elena Calabria, conversando con i giornalisti a margine della presentazione della “Carta per la sostenibilità e la competitività delle imprese nell’economia circolare”, tenuta oggi a Roma.

“Proponiamo – ha spiegato – una rimodulazione del sistema dei tributi per incoraggiare le imprese ad affrontare con sicurezza questo futuro. Un futuro a 360 gradi. E’ un grossolano errore, infatti, pensare che l’economia circolare sia limitata al mondo dei rifiuti o a concetti come riuso e recupero. La partita è molto più importante e va dalla eco-innovazione al consumo sostenibile, dalla tutela del territorio al risparmio di acqua ed energia. Una partita che le piccole imprese rischiano di giocare con una gamba legata. Ogni giorno si trovano di fronte barriere e ostacoli burocratici che ne frenano la naturale spinta al cambiamento. Undici associazioni di imprese oggi sottolineano il loro impegno comune per contribuire alla rivoluzione dell’economia circolare e – ha concluso -chiamano le istituzioni a fare sistema prima di tutto rimettendo ordine nelle regole che governano l’economia verde”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

19 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»