Studio fertilità, da medici infondato ottimismo su Procreazione Medicalmente Assistita

A lanciare l’allarme e’ uno studio nazionale sulla fertilità promosso dal ministero della Salute e coordinato dall’Istituto superiore di sanità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Tra i medici specialisti è generalizzato “un infondato ottimismo sulle possibilità delle tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita (Pma) di risolvere sempre i casi di infertilità”. La tecnica viene consigliata ancora ai pazienti “in cui è “evidentemente inutile, generando aspettative che procureranno frustrazione alle coppie”. A lanciare l’allarme e’ uno studio nazionale sulla fertilità promosso dal ministero della Salute e coordinato dall’Istituto superiore di sanità, presentato oggi a Roma. All’indagine hanno risposto 376 ginecologi (11%), 113 endocrinologi (10%), 238 andrologi/urologi (23%) e 1.171 fra il personale ostetrico (11%). Dal questionario sottoposto risulta inoltre che solo l’8% dei pediatri di libera scelta e il 20% dei medici di medicina generale hanno partecipato ad eventi di aggiornamento formativo in materia di tutela della fertilità e di salute riproduttiva.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»