‘Ciao Pasquano’: Montalbano commosso omaggia l’attore con una mangiata di cannoli

Ieri sera l'omaggio al defunto attore Marcello Perracchio che per quasi 20 anni ha interpretato i panni del medico legale di Vigata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ciao dottor Pasquano. Ieri sera il commissario Montalbano e i suoi hanno salutato il defunto attore Marcello Perracchio che da quasi 20 anni interpretava i panni del medico legale di Vigata. L’attore era venuto a mancare nel 2017, all’età di 79 anni, proprio durante le riprese della scorsa stagione, ma non era ancora stato omaggiato. L’occasione, nella serie tv, è la morte dello stesso dottor Pasquano (che nei libri di Camilleri non accade).

Il regista Alberto Sironi, che compare anche in un cameo (foto) ha deciso di rendere omaggio al burbero Pasquano con una mangiata di cannoli all’interno del commissariato di Vigata. La scena, scritta dall’attore Luca Zingaretti, è stata molto commovente e non ha lasciato indifferenti i telespettatori che anche ieri sera hanno premiato la serie tv: l’episodio ‘Un diario del ’43’ è stato visto da oltre 10milioni 150mila telespettatori e che con il 43,3% ha stravinto la prima serata.

“… la scena dei cannoli in commissariato … una perla narrativa di rara bellezza”, si legge su Twitter. “La scena dei cannoli in onore di #Pasquano una delle più belle di sempre”.

E ancora: “Commovente l’omaggio al Dottor #Pasquano ovvero al grande Marcello Peracchio che #Montalbano ha reso immortale”. “Questo addio al dottor Pasquano è struggente”, scrivono gli internauti.

“Emozionante l’omaggio al dottore Con tanto di cannolata. Addirittura il regista che porta il vassoio”. E infine: “Geniale e sentito l’omaggio a #Pasquano e al grandissimo Marcello Perracchio. E con tanto di cameo finale alla Hitchcock di Alberto Sironi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»