AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Regione Lazio, nuova sforbiciata in arrivo: saltano 361 poltrone

Regione LazioROMA  – La IV commissione Bilancio, e la I commissione, Affari costituzionali e statutari, si sono riunite oggi per ascoltare le relazioni della Giunta, propedeutiche alle leggi di riordino delle Ater, degli enti parco, dei consorzi di bonifica e di sviluppo industriale, così come è previsto dalla prima spending review regionale (legge 4/2013), in attuazione della normativa nazionale in materia di riduzione dei costi della politica. Presente l’assessore al Bilancio, Alessandra Sartore. La seduta è stata presiduta dal presidente della IV commissione, Mauro Buschini (Pd). L’assessore alle Infrastrutture, alle politiche abitative e all’ambiente, Fabrizio Refrigeri ha illustrato le relazioni della Giunta sul riordino delle Ater, dei consorzi di bonifica e degli enti parco. L’assessore alle Attività produttive, Guido Fabiani, è invece intervenuto sul piano di riordino dei consorzi per lo sviluppo industriale.

Ecco, in sintesi, le modifiche agli attuali assetti prospettate dalla Giunta:

– ATER Accorpamento delle sette aziende attuali in un unico soggetto con direzione generale a Roma e cinque uffici territoriali corrispondenti ai capoluoghi di provincia; riduzione dei membri dei consigli d’amministrazione da 49 (attualmente le Ater sono commissariate) a 5; riduzione del numero dei revisori dei conti da 21 a tre effettivi e da 14 a un solo supplente; azzeramento dei componenti dei comitati tecnici (da 42 a 0); risparmio di spesa stimato: non inferiore ai due milioni di euro annui.

CONSORZI DI BONIFICA Istituzione di due soli consorzi (uno per il Lazio Nord e uno per il Lazio Sud) in sostituzione dei dieci consorzi di bonifica esistenti, svolgendone le funzioni, i compiti e succedendone in tutti i rapporti giuridici attivi; i componenti dei consigli di amministrazione passerebbero così dagli attuali 110 a 22; i membri del comitato esecutivo da 30 a sei; dei 20 revisori dei conti attuali ne resterebbero soltanto due; risparmio stimato non inferiore a un milione di euro l’anno, derivante dalla soppressione di 130 poltrone;

– ENTI PARCO Fermo restando il numero (13), la proposta di legge di modifica del sistema degli enti parco dovrà mirare a una riduzione dei componenti dei consigli direttivi che passerebbero da 91 a 39, e dei componenti dei collegi dei revisori dei conti che passerebbero da 39 a 13; la stima dei risparmi è pari a 870 mila euro l’anno, di cui 340 mila derivanti dalla soppressione dell’Agenzia regionale dei parchi (Arp).

Nella relazione della Giunta si ipotizzano tre consorzi, anziché gli attuali cinque; i componenti dei consigli d’amministrazione dovrebbero passare da 35 a 9 o 15 al massimo; i componenti dei collegi sindacali da 25 a 15; il risparmio atteso è pari a 500 mila euro l’anno. A conclusione della seduta, il presidente della IV commissione Buschini ha comunicato il seguente calendario dei lavori: venerdì 27 febbraio, dalle 10 alle ore 12: presentazione delle osservazioni alle relazioni della Giunta; lunedì 2 marzo ore 11,00: seduta congiunta delle due commissioni, I e IV, per prosecuzione lavori.

18 febbraio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988