San Marino

Migranti, Valentini: “Accoglieremo minori, cifre da definire”

migrantiSAN MARINO – Il Titano offrira’ accoglienza a un numero per il momento indefinito di migranti minorenni. “Fatta salva una verifica di fattibilita’”, la cifra verra’ stabilita con precisione nei prossimi giorni dopo una serie di incontri fra il governo, all’interno del quale e’ stato individuato un gruppo di coordinamento, le parrocchie e le associazioni di volontariato attive a San Marino. Ad affermarlo, durante il comma comunicazioni che oggi apre i lavori del Consiglio grande e generale, e’ il segretario di Stati agli Esteri, Pasquale Valentini, pronto a indicare l’orientamento della repubblica su una questione che coinvolge l’intero continente europeo: “Attraverso il permesso umanitario- afferma l’inquilino di Palazzo Begni in Aula- dovremmo garantire assistenza sanitaria e l’inserimento dei minori nell’attivita’ scolastica”. Mentre non sara’ a carico dell’amministrazione pubblica cio’ che riguarda “l’alloggio, il sostentamento e la ricerca di un lavoro” degli interessati.

Il coordinamento creato all’interno del governo, oltre a Valentini, coinvolgera’ i colleghi che si occupano di “Interni, Istruzione, Territorio e Sanita’”, chiamati a “dare un punto di riferimento agli interventi di solidarieta’ e a definire le possibilita’ di fare in modo che l’azione volontaria dei cittadini non proceda in modo disordinato, creando problemi alla gestione della situazione”.

Nella lista delle cose da fare, prosegue il numero uno del dicastero agli Esteri, c’e’ la conta di quante persone potranno trovare accoglienza sul Titano, cosi’ come dei soldi in ballo: “Nei prossimi giorni- dice- il coordinamento incontrera’ i responsabili delle organizzazioni di volontariato per quantificare la nostra disponibilita’ in termini di accoglienza”, oltre a “stabilire le cifre che riguardano l’impegno finanziario”.

Sul Titano si sono posati anche gli occhi degli organismi internazionali “con i quali abbiamo preso contatti tramite l’ambasciata di Roma- prosegue ancora il segretario di Stato- a loro dovremo dire di quante persone pensiamo di farci carico”.

Sul tema dei migranti Valentini fa anche riferimento a “una domanda di finanziamento da parte dell’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati” e “della Banca del Consiglio d’Europa”, dalla quale “ha ricevuto l’invito a indicare la cifra che il Paese intende mettere a disposizione”.

17 settembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»