Giornale radio sociale, edizione del 17 maggio 2019

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Giornale Radio Sociale, edizione del 17 maggio

INTERNAZIONALE – Europa senza arcobaleno. Nella giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia si registra un aumento delle rappresaglie e degli insulti verso le persone Lgbti. E anche l’Italia si scopre più intollerante. Ai nostri microfoni Gabriele Piazzoni, segretario generale Arcigay. 

DIRITTI – Condannato a vita. Peggiorano le condizioni dei carcerati in Italia. Il sovraffollamento sfiora il 120%, nonostante il calo dei reati e il dimezzamento dei nuovi detenuti. A denunciarlo l’ultimo rapporto dell’associazione Antigone. Il problema è che restano dietro le sbarre più anni rispetto al passato. Nelle celle mancano servizi igienici, acqua calda e docce. Molti hanno a disposizione meno di tre metri quadri per muoversi.

SOCIETA’ – Si parte. 107 giovani tra i 18 e i 29 anni entreranno nel mondo della cooperazione grazie ai progetti di servizio civile attivati da Confcooperative Toscana. Il bando promosso dalla Regione è aperto fino al 7 giugno e prevede 17 ambiti: dall’assistenza ai minori ad attività di animazione con ragazzi fino alla cura di persone anziane e con disabilità.

ECONOMIA – Termometro rosso. Non credono di godere buona salute tre italiani su dieci. Una quota che sale al 43% fra chi si trova in difficoltà economiche. A questo si aggiungono le differenze territoriali e il gap Nord-Sud è sempre significativo a sfavore del Meridione. È questa la fotografia scattata dalla Sorveglianza Passi nel quadriennio 2015-2018.

SPORT – RiGeneration Run. Si corre domani a Milano la grande staffetta non competitiva dedicata a bambini e ragazzi. Il servizio di Elena Fiorani. 

CULTURA – Caro diario. Nasce in Toscana il progetto che punta a creare un archivio per fare tesoro delle storie, aneddoti, foto e disegni realizzati quotidianamente nelle Rsa, nei centri diurni, nei centri anziani. Un modo per non disperdere la memoria di tutto quello che di bello accade ogni giorno in questi luoghi che spesso sono di sofferenza. L’idea è della Libera Università dell’autobiografia, regione e archivio diaristico nazionale di Arezzo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»