AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

GUARDA ‘DOMICILIO COATTO’

Rocco Gagliardi è tornato a casa per finire di scontare la sua pena ai domiciliari, ma il ritorno tanto atteso non è andato secondo le sue previsioni.

Appena rientrato in casa Rocco trova un trafficante di droga colombiano rinchiuso nel suo bagno in attesa di espellere l’ovulo di coca che ha ingerito, come se non bastasse dopo poco suonano alla porta i carabinieri per la prima visita di controllo.

Inizia così la puntata pilota della prima serie di ‘Domicilio coatto” (GUARDA QUI la prima puntata), la web serie più coatta che potrete mai trovare in rete. Un affresco moderno su Roma, anche se la capitale si vede solo in alcuni scorci, e sulla romanità, perché Roma è l’habitat che ha originato il vero coatto.

Rocco Gagliardi esemplifica perfettamente le peculiarità del vero coatto, un duro megalomane continuamente ridimensionato dalle situazioni in cui si trova, volente o nolente.

Nonostante il mare magnum in cui galleggiano una miriade di web series “Domicilio coatto” si fa apprezzare per l’alta qualità della recitazione, non a caso gli attori sono tutti professionisti selezionati dopo vari cast, e una sceneggiatura ben scritta e con dei tempi comici irresistibili.

L’ennesima prova che se si hanno buona idee e tanto voglia di fare – fra scrittura del soggetto, riprese e montaggio ci sono voluti quasi sei mesi- non importa se il budget è ridotto all’osso, si può riuscire a creare un buon prodotto.

Non resta che attendere la seconda puntata lunedì 21 marzo (ancora su www.dire.it) Stay tuned, stay coatto!

17 marzo 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988