Campo antibracconaggio della Lipu, distrutte 2.200 trappole. “Torneremo tra gennaio e febbraio”

CAGLIARI – Duemiladuecento trappole distrutte. Tordi, cince, fringuelli e pettirossi, insieme a una volpe e tre cinghiali, ritrovati morti dopo una lunga sofferenza. Si è concluso nei giorni scorsi la prima parte del campo antibracconaggio che la Lipu organizza ogni anno nel Sulcis, in provincia di Cagliari, per combattere la piaga dell’uccellagione, il cui obiettivo è rifornire clandestinamente ristoranti e macellerie locali per la preparazione di piatti “tipici” natalizi.

I volontari, che si sono avvalsi della nomina di ausiliari di Polizia giudiziaria, hanno perlustrato per una settimana, dal 7 al 13 dicembre, i vasti boschi di macchia mediterranea che ricoprono i Comuni di Assemini, Capoterra e Pula, in provincia di Cagliari. Zone ricche di cibo per migliaia di piccoli uccelli migratori, che affollano la vasta area nel periodo di svernamento fino a metà gennaio, e da febbraio per i migratori di passaggio diretti verso nord. L’azione dei volontari Lipu ha portato alla distruzione di 1.400 trappole “aeree” posizionate sui rami degli alberi, 680 trappole “a terra”, 151 cavetti in acciaio per la cattura di ungulati e un laccio per gatti selvatici. Il materiale è stato consegnato alle stazioni di Capoterra e di Pula del Corpo forestale e Vigilanza Ambientale della Regione Sardegna.

bracconaggio lipuDurante il campo i volontari della Lipu hanno inoltre smantellato 40 “punti di cattura” dove hanno ritrovato pezzi di animali come teste e ali di uccelli, dilaniati dalle micidiali trappole, tra cui una testa di torcicollo. “Nel complesso siamo soddisfatti di quanto abbiamo realizzato in questa prima parte- dichiara Gigliola Magliocco, coordinatrice del campo Lipu- il passaggio dei tordi è stato ancora debole, e dunque molti sentieri, oggi ancora in fase di allestimento, entreranno in funzione non appena la migrazione si intensificherà. Proprio per questo motivo la Lipu organizza altre due settimane di campo nei mesi di gennaio e febbraio del prossimo anno. Un ringraziamento va al Corpo forestale sardo che ha confermato il proprio impegno e rinnovato la sensibilità per combattere questo fenomeno che, purtroppo, è ancora molto radicato in alcune zone del cagliaritano”. “Il più bel regalo di Natale che si possa fare è astenersi dal consumo delle ‘grive’ per le festività natalizie. Il nostro lavoro per combattere il bracconaggio va avanti spedito e proseguiamo con determinazione la nostra azione per liberare l’isola da ogni odiosa forma di violenza contro gli animali selvatici”, conclude Fulvio Mamone Capria, presidente Lipu.

16 Dic 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»