Manovra, Aifi: “No a ingiuste sanatorie per iscrizioni agli albi delle professioni sanitarie”

Aifi:"Emendamento all’art. 41 del ddl 1334 confuso nella forma e sbagliato nella sostanza"

Condividi l’articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA -“Siamo venuti a conoscenza dai media dell’emendamento all’art. 41 del ddl 1334 che prevederebbe la possibilità di continuare a esercitare senza obbligo di iscrizione all’Albo per ‘tutti coloro che, pur avendone i titoli, non hanno potuto accedere a percorsi di equivalenza’. L’Associazione Italiana Fisioterapisti ritiene tale proposta confusa nella forma e sbagliata nella sostanza e ne chiede quindi ai proponenti il ritiro immediato“. Così l’AIFI in una nota.

Cosa comporta l’emendamento all’art. 41

“L’emendamento- spiega l’Associazione- appare confuso nella forma perché i percorsi di equivalenza, definiti con l’Accordo Stato/Regioni n. 17/CSR del 10 febbraio 2011, recepito nel Dpcm 26 luglio 2011, consentivano ai possessori di titoli atipici, ottenuti entro il 17 marzo 1999, non riconducibili a titoli equipollenti e non ricompresi in un esplicito elenco di titoli ‘esclusi’, di far valutare il proprio percorso formativo e la propria carriera pregressa ‘caso per caso’. Non era quindi previsto un preciso elenco di titoli che potevano accedere, e pertanto la formulazione ‘tutti coloro che, pur avendone i titoli, non hanno potuto accedere a percorsi di equivalenza’ è confusiva oltre che, a nostro avviso, difficilmente applicabile. L’emendamento appare inoltre sbagliato nella sostanza perché se il problema è che qualcuno non ha potuto accedere a percorsi di equivalenza, a nostro avviso la risposta non dovrebbe essere ‘continua pure ad esercitare senza iscriverti all’Albo’ ma eventualmente, ad esempio, chiedere a Regioni e Province Autonome di ribadire i percorsi di equivalenza con le stesse regole di allora, quindi solo per i soli titoli conseguiti entro il 17 marzo 1999, in modo da valutare il percorso formativo di ciascuno e la eventuale necessità di integrazioni”.

“L’emendamento- continua l’AIFI- sembra dare, infatti, una risposta scorretta; scorretta nei confronti di chi quei percorsi di equivalenza li ha con fatica intrapresi; scorretta nei confronti dei più di 90.000 professionisti sanitari che in questi quattro mesi hanno intrapreso l’oneroso percorso di iscrizione agli Albi e che si vedrebbero, al passare di questa proposta, come si suol dire ‘cornuti e mazziati’”. 

AIFI, inoltre, “mette in guardia i decisori pubblici da chi sta tentando di strumentalizzare questo momento complesso di valutazione dei titoli e sta creando allarmismi forse ingiustificati; diverse realtà stanno infatti usando il rischio del ‘mettere sulla strada padri di famiglia’ quando questo rischio non è reale o è limitato a pochi specifici casi magari risolvibili in altro modo. Lo fanno per far passare norme che consentano l’iscrizione agli Albi anche di chi ha seguito percorsi formativi assolutamente insufficienti a garantire le competenze previste dai decreti ministeriali istitutivi dei profili delle 17 professioni sanitarie coinvolte”.

Lo ribadiamo: i titoli conseguiti dopo il 17 marzo 1999 non sono in alcun modo, per contenuti e per durate, sovrapponibili alle Lauree triennali abilitanti all’esercizio di professione sanitaria. Qualsiasi sanatoria, o improvvida proroga dei termini di equipollenze o equivalenze, avrebbe come unica conseguenza quella di mettere la salute dei cittadini nelle mani di persone non adeguatamente formate e di offuscare un percorso di chiarezza, quello degli Albi e Ordini per tutte le professioni sanitarie, atteso da decenni da centinaia di migliaia professionisti”, conclude la nota dell’AIFI.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»