Matrimonio indiano a Firenze, Comune incassa 100.000 euro. Altri 20.000 da tassa di soggiorno. - DIRE.it

Toscana

Matrimonio indiano a Firenze, Comune incassa 100.000 euro. Altri 20.000 da tassa di soggiorno.

Arno

Centomila euro per l’occupazione di suolo pubblico, circa 20.000 euro di tassa di soggiorno e 58.000 per il restauro della fontana di piazza Santa Croce, “con una ricaduta stimata per Firenze di oltre 6 milioni di euro e 600 camere già prenotate negli hotel a 5 stelle della città”. Sono i numeri illustrati dall’assessore allo Sviluppo economico Giovanni Bettarini, a proposito del matrimonio indiano che si svolgerà il 27 novembre prossimo in piazza Ognissanti, per il quale scattano da oggi alcuni provvedimenti di circolazione per l’allestimento della struttura che ospiterà la cerimonia. “Firenze- sottolinea Bettarini- si conferma città del wedding, in grado di attrarre grandi matrimoni stranieri con basso impatto in termini di vivibilità della città e alto ritorno economico per gli operatori”. Nel 2016, continua, “ospiteremo il congresso mondiale dei Wedding planner. Sarà un’occasione importante per promuovere la nostra città come destinazione ideale per questo tipo di turismo. In più, grazie al nuovo regolamento sull’uso delle piazze, siamo ora in grado di definire di volta in volta il canone per le occupazioni di suolo pubblico che limitano anche momentaneamente l’accesso alle piazze, prevedendo anche cifre importanti come in questo caso”. Dal punto di vista della mobilità, è previsto per il 27 novembre un divieto momentaneo di passaggio in piazza Ognissanti e sul percorso del corteo (lungarno Vespucci, via Melegnano, via Montebello, piazza Ognissanti), mentre da oggi al 3 dicembre saranno in vigore provvedimenti di circolazione per allestimento e per disallestimento.

16 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»