Zaini e cuore in spalla, il ‘Gregge’ da Bologna vola in Islanda

BOLOGNA – Ormai manca poco, pochissimo. Gli otto 19enni bolognesi in partenza per l’Islanda contano le ore. Freschi di maturità, partiranno questa sera dall’aeroporto Malpensa di Milano per la loro grande ‘avventura’, una sfida per corpo e mente con cui hanno deciso di salutare la fine della scuola.

Leggi anche: 18 anni, la maturità e un viaggio in Islanda. L’avventura parte da Bologna

Il Gregge, così loro hanno deciso di soprannominarsi come gruppo (e così si chiamano i loro profili Instagram e Facebook dove sarà possibile seguirli in questa avventura), partirà stasera in aereo e porta con sè una grande dose di carica e curiosità per scoprire, rigorosamente zaino in spalla e scarponi ai piedi, la natura incontaminata dell’Islanda meridionale con un trekking molto speciale.

Da Landmannalaugar a Skogar

Il percorso che gli otto giovani hanno deciso di intraprendere (loro che di trekking in giro per gli Appennini ne hanno fatti già tanti e sempre insieme) è uno dei più belli del mondo a livello paesaggistico e naturalistico: si tratta del sentiero che, in Islanda, conduce da Landmannalaugar (nell’interno, a sud ovest del paese) fino a Skogar (che si affaccia a sud sull’oceano). 

Un’intervista alla radio prima di salire sull’aereo

Il motivo che li ha spinti a mettersi alla prova per questi sei giorni che non dimenticheranno molto facilmente lo spiegheranno anche questa sera ai microfoni di Caterpillar, la nota trasmissione di Radio 2, che darà loro spazio tra le 19.45 e le 20, proprio mentre gli otto ‘avventurieri’ saranno alle prese con il check in all’aeroporto di Malpensa. Un inviato della radio li raggiungerà lì per intervistarli.

“La scuola è finita, ma la voglia di mettersi alla prova non ancora. Per chiudere un ciclo e iniziarne uno nuovo intraprenderemo un’avventura più complessa di quelle vissute in passato”, scrivono i ragazzi sulla loro pagina Facebook ‘Il Gregge in Islanda’.

“Un viaggio per crescere”

“Il nostro- dicono ancora- non vuole essere il solito viaggio stereotipato, fatto di divertimento sfrenato in un’isola mediterranea, anche se sempre di un’isola si tratta; per noi rappresenta un’opportunità di crescita, un modo attraverso cui riscoprire i valori della fatica e dell’essenzialità”.

Perché in Islanda? “Per la sua natura selvaggia, i suoi paesaggi ancestrali, espressione di una terra viva, ancora in formazione. Perché, se ancora non si fosse capito, ci piace camminare, stare insieme mentre superiamo nuovi ostacoli, condividere emozioni e sudore. Perché, molto semplicemente, abbiamo bisogno di staccare dalla nostra routine quotidiana e amiamo farlo in questo modo”.

Su dire.it il loro ‘diario di viaggio’

La loro camminata in mezzo a ghiacciai e vulcani sarà condivisa momento per momento, con foto e scritti, sui social. E l’agenzia Dire pubblicherà il ‘diario di viaggio‘ che i ragazzi ci manderanno dall’Islanda. Perchè gli otto del ‘gregge’ sono convinti che un’avventura come questa possa racchiudere importanti “messaggi” e vogliono condividerli con chi vorrà seguirli a distanza.

Un ‘ruolo’ e un ‘superpotere’ per ciascuno di loro

Nei giorni scorsi, oltre a preparare i bagagli (in valigia hanno messo prima di tutto gli scarponi da trekking forniti gratuitamente da Aku che ha deciso di diventare sponsor dell’iniziativa), gli otto bolognesi si sono presentati sul loro profilo Instagram. Andrea, Francesca, Pietro, Nicola, Serena, Lorenzo, Leonardo, Bruno. Questi i loro nomi. Anche le presentazioni sono tutta una gag. Di ognuno di loro i ragazzi riferiscono il sopranome, ma anche il ‘ruolo nel gruppo‘ (a uno per dire tocca fare “quello nuovo con gli orecchini” e a un altro “quello che si presenta alla partenza senza sapere cosa si farà”), il ‘superpotere‘ e il ‘punto debole‘. E via di risate e frecciatine tra amici da una vita.  C’è chi “sorride sempre” e chi “collassa dopo aver mangiato una pizza”. Chi “senza bandana non cammina” e chi è considerato il “pastore”, chi pensa alla logistica e tecnologia e chi fa il “camminatore alfa”.

Ieri hanno postato una foto con le nuove magliette, create appositamente per il viaggio. Tutto è pronto: non resta che partire. Oggi la partenza e giovedì 26 luglio il rientro. Il trekking vero e proprio, invece, inizia mercoledì 18 luglio e finisce martedì 24.

Questi i profili dove potete seguirli: 

Instagram
Facebook

16 Luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»