Ingredienti illeciti provenienti dalla Cina, Nas sequestra mezza tonnellata di alimenti

Nas_ispezione

FIRENZE – I Carabinieri del Nas di Firenze hanno sequestrato oltre mezza tonnellata di prodotti di origine animale illecitamente importati dalla Cina. L’operazione rientra nell’ambito della tutela della salute nel settore della ristorazione etnica, finalizzata, spiegano le forze dell’ordine, “a garantire la salubrità degli alimenti ed il rispetto della normativa di riferimento”. I militari, quindi, hanno eseguito una serie di ispezioni presso importatori, grossisti e commercianti, tutti operanti nella distribuzione di derrate alimentari di origine extra Ue, tra le province di Firenze e Prato. Ventitré le strutture ispezionate, un lavoro che “ha permesso di disvelare un meccanismo volto ad occultare la presenza di materie prime di origine animale provenienti dalla Repubblica Popolare cinese”, come carne di maiale, uova di anatra, zampe di pollo, bevande a base di latte, granulato per brodo a base di pollo ed uova, “tutte soggette, per motivi sanitari, a divieto assoluto di importazione nella Unione Europea”. Nelle oltre 1.500 confezioni di alimenti sequestrati, per un totale di 570 chili, “le società importatrici hanno indicato, sull’etichetta, la presenza delle materie prime vietate attraverso ideogrammi cinesi”, riportando in lingua italiana esclusivamente le indicazioni relative agli “ingredienti leciti”. Al termine delle attività sono stati deferiti alla competente autorità giudiziaria 11 commercianti, tutti di nazionalità extracomunitaria e 15.000 euro di sanzioni.

16 Marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»