Digitale, Lisi (Anorc Professioni): “Il Governo è al lavoro, il 27 incontro su agenda”

All'incontro del 27 saranno presenti il nuovo direttore di AgID Teresa Alvaro e Luca Attias, il nuovo commissario straordinario per l'attuazione dell'Agenda digitale

Condividi l’articolo:

ROMA – Si terra’ a Roma il 27 novembre l’incontro istituzionale sull’Agenda digitale nazionale organizzato dal Gruppo di Lavoro per la Governance Digitale promosso da ANORC Professioni e ANORC Mercato insieme a uno dei componenti piu’ prestigiosi, Banca d’Italia e a SNAD, Scuola nazionale di Amministrazione digitale.
Il Workshop, dal titolo “Digitalizzazione e Privacy: Prospettive e criticita’ per la definizione di un’Agenda dei lavori nazionale” si svolgera’ presso la sede di Bankitalia in via Nazionale 91, e sara’ riservato a un pubblico qualificato, di livello istituzionale e al comparto dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni Centrali.
I lavori si concentreranno sulle prospettive e le criticita’ per la definizione di un’Agenda dei lavori nazionale, per la promozione di un “metamodello” ideale da estendere a tutte le Pubbliche amministrazioni, per la Governance dei processi di gestione informativa e documentale, sulla base delle rilevazioni e delle attivita’ finora condotte dal GDL Governance di Anorc.

“Un metamodello e’ cio’ che e’ mancato in questo periodo- ha dichiarato Andrea Lisi, Presidente di Anorc Professioni – molto spesso chi ha sviluppato la normativa non era all’interno delle Pubbliche amministrazioni e non conosceva bene le dinamiche, anche burocratiche, che spesso bloccano la digitalizzazione. Sono poche le Pubbliche amministrazioni che nonostante tutte le difficolta’, fra cui anche la mancanza di fondi e conoscenze adeguate, sono riuscite ad avviare i procedimenti amministrativi completamente digitalizzati”. 

Il GDL Governance “ha come primo compito- ha continuato Lisi- proprio quello di tastare il polso delle Amministrazioni centrali che hanno compiuto lo sforzo di mettere in pratica la normativa secondo le proprie esigenze, applicandola nel concreto, in modo da trovare ed astrarre le best practice, che quindi ci sono. Abbiamo avuto la possibilita’ di guardare dentro Consob, Inail, Inps e Corte dei Conti, e abbiamo provato a capire quali siano le professionalita’ richieste, per fare in modo che il procedimento amministrativo partito da documenti informatici completasse il suo iter sempre in forma digitale, senza bisogno di stampare carta (ne’ prima ne’ dopo). Questo importante progetto si pone come obiettivo quello di stabilire e quindi mappare le conoscenze specialistiche di tutti coloro che fanno parte del Team che deve occuparsi delle transizione digitale delle PA italiane e si coordina cosi’ con il progetto Syllabus portato avanti dal Dipartimento della funzione pubblica, anche con la nostra collaborazione e che mira invece a consolidare le competenze digitali di base di tutti i dipendenti pubblici e a diffondere una visione comune sui temi della cittadinanza digitale, dell’eGovernment e dell’Open Government”.

Ci sono anche buone notizie, infatti “un annetto fa- ha ricordato l’avv. Lisi- avevamo gia’ presentato all’allora ministro Marianna Madia la nostra idea di ‘metamodello’, disponibile sul sito di ANORC, che prevedeva come sviluppare il team di lavoro che deve presidiare le fasi di formazione, gestione e conservazione del documento informatico, con il dettaglio delle professionalita’ necessarie e del tipo di competenze richieste. Avevamo anche suggerito che a presidio ci fosse un CDO – Chief Digital Officer, una figura gia’ presente a livello internazionale in grado di coordinare questi processi. Questa figura e’ stata poi effettivamente inserita nel nuovo Codice dell’amministrazione digitale: l’articolo 17 suggerisce, infatti, l’istituzione di questo ufficio di direzione della transizione digitale in tutte le PPAA. Il nuovo governo, al contrario di cio’ che si fa solitamente, non ha smantellato tutto il lavoro precedente, ma sta procedendo con un minimo di continuita’ rispetto al passato. Questo e’ senz’altro positivo”. Si e’ anche proceduto con delle nomine: “Due nuove figure che saranno presenti al nostro workshop del 27, il nuovo direttore di AgID Teresa Alvaro e Luca Attias, il nuovo commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda digitale”.

Leggi anche:

15 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»