Giubileo, chiusura con Tv 4k e Hdr. Si vedrà al Kursaal

sm2ROMA – Il Concistoro e il rito di chiusura del Giubileo, in programma sabato 19 e domenica 20 novembre in Vaticano, saranno trasmessi in televisione con la tecnologia 4K e Hdr. Questo sarà possibile grazie alla complementarietà tra satellite e fibra. Il test verrà proiettato al Centro Congressi Kursaal nella Repubblica di San Marino. E’ la prima volta che le cerimonie papali saranno trasmesse con tecniche in una forma di alta definizione mai raggiunta. L’evento è stato presentato alla Filmoteca Vaticana da monsignor Dario Edoardo Vigano’, prefetto per la Comunicazione, e, tra gli altri, dal Segretario di Stato al Turismo di San Marino, Teodoro Lonfernini. “Succedera’ qualcosa di veramente innovativo- ha spiegato Viganò- una configurazione d’avanguardia nel quadro del richiamo di papa Francesco a favore della ricerca e lo sviluppo di soluzioni innovative per rendere la missione comunicativa della Chiesa al passo dei processi evolutivi in atto”.

Per San Marino questa partnership tecnologica è un modo per “stringere ancor di più i rapporti già solidi con la Santa Sede”, spiega il Segretario Lonfernini. “Per noi rappresenta un momento storico di implementazione della tecnologia nel massimo del suo potenziale”. Per questo il numero uno del Turismo ha invitato “i cittadini sammarinesi a seguire l’evento nel nostro centro Congressi Kursaal, luogo ideale di aggregazione”. Monsignor Vigano’ si è poi soffermato “sull’attenzione di raccontare bene gli eventi del Papa per intrattenere al meglio una relazione con lo spettatore: vogliamo averne cura, scaldare il cuore di questa relazione”, ha sottolineato. Infine, il Prefetto della Comunicazione ha voluto ricordare il carattere “pro bono” di “progetti seri” come questi. “Ognuno mette del suo perchè le cose belle funzionino. Si chiude il Giubileo, non la misericordia”.

15 Novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»