Lazio

Comunali a Roma, parte la campagna #nonvotarechisporca contro le affissioni abusive

manifesti_strappati_politica.jpg

ROMA – Il fenomeno dell’affissione dei manifesti elettorali al di fuori degli spazi autorizzati e delle apposite plance, si ripete ogni qualvolta i cittadini vengono chiamati ad eleggere i propri rappresentanti. La repressione di questo fenomeno richiede mezzi e uomini che spesso la Polizia Locale di Roma Capitale non riesce a mettere in campo. Al fine di non salutare l’elezione del nuovo sindaco in una città sempre più sciatta e maltrattata da chi dovrebbe invece averne a cuore il decoro, Carteinregola, Cittadinanzattiva Lazio, Diarioromano, Retake Roma, Roma Fa Schifo, Roma Pulita! e Zero Waste Lazio, hanno organizzato un evento antidegrado per prevenire il fenomeno delle affissioni abusive, attraverso una grafica che verrà condivisa sui social network e che coinvolgerà i candidati di ogni schieramento.

Un invito a non votare chiunque dovesse affiggere manifesti dove non si può! Appuntamento su Facebook e Twitter oggi alle 21 per il ‘bombing’. I politici di tutti gli schieramenti verranno bombardati dalla richiesta di un impegno formale a non utilizzare affissioni illegali.

15 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»