Di Maio: Pronto decreto pensioni minime e reddito cittadinanza

Sul reddito di cittadinanza "siamo intorno ai 7 miliardi", dice Di Maio, anche se "la trattativa è ancora in corso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Pronti a fare il decreto sull’aumento delle pensioni minime, sulla ‘quota 100’ e sul reddito di cittadinanza”. Luigi Di Maio, vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, lo dice a Mattino 5. Ciò detto, “nelle relazioni tecniche per il decreto stiamo scoprendo che servivano meno soldi“, segnala Di Maio, e in generale “spenderemo un po’ meno“, ma “solo perché ci sono soldi che ci avanzano: ne avevamo previsti più di quelli che servivano”.

“Abbiamo trovato 16 miliardi, più altri 12 per non aumentare l’Iva”

Per quel che riguarda le cifre, sul reddito di cittadinanza “siamo intorno ai 7 miliardi“, prosegue Luigi Di Maio, vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, precisando però che “la trattativa è ancora in corso”. In generale “abbiamo trovato 16 miliardi– dice Di Maio- più 12 miliardi per evitare che aumentasse l’Iva” che “il Pd voleva aumentare”.

“LA MANOVRA VALE 30-33 MLD E METTE RISORSE FRESCHE NELL’ECONOMIA”

La manovra è “da circa 30-33 miliardi” e “mette risorse fresche nell’economia”. Luigi Di Maio, vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, lo dice a Mattino 5.

Con questa manovra “aiutiamo le persone”, prosegue Luigi Di Maio, vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, infatti “ci sono 4 miliardi di tasse per banche e assicurazioni”, con l’intento di “aumentare le pensioni minime e di invalidità”. Questa è, conclude, “la ricetta per fare uscire l’Italia dal buio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»