AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE mondo

Nell’inferno di Aida, il campo profughi palestinese soffocato dal muro

RAMALLAH (Territori palestinesi) – “Il campo profughi di Aida è un agglomerato sovraffollato di persone, e nonostante ciò le autorità israeliane negano la possibilità di estenderlo o di edificare. Alla gente qui non resta che andare verso l’alto, costruendo nuovi piani. I lavori però non sono sempre eseguiti a norma, a scapito delle fondamenta. Cosa accadrebbe se cedessero, se arrivasse un terremoto?”. E’ Amjad Abou Laban a porsi questo interrogativo. Il responsabile Unrwa – l’Agenzia Onu per i rifugiati palestinesi – è preoccupato per le condizioni in cui i circa 6mila residenti vivono: niente ospedale o centri medici, solo due scuole fondate dall’Unrwa, l’acqua che arriva due giorni la settimana, e restrizioni di movimento che impediscono alle persone di cercare lavoro in Israele o a Gerusalemme Est.

Inoltre, con la costruzione del muro di separazione dallo Stato israeliano, la popolazione ha perso la possibilità di accedere a una vasta area verde. Ma non si è perduta d’animo e ha costruito un campo da calcio e un piccolo parco. “Sono le uniche zone ricreative per queste persone”, aggiunge Abou Laban, che poi ricorda: “Abbiamo dovuto però chiudere la parte superiore con una rete: è capitato che i soldati sparassero gas lacrimogeni, dovevamo proteggere i bambini“.

Le vie di Aida sono strette, rendendo impossibile l’accesso ai mezzi di soccorso. Sono poi sovrastate da cavi elettrici sistemati rudimentalmente, cosa che accresce il pericolo di incendi. L’aria ha un forte odore, perché la rete fognaria funziona solo in alcune zone. Infine, c’è il muro in cemento armato alto 8 metri, che chiude un lato del campo. Ma nonostante ciò, le strade esplodono di colori: pitture, murales, poesie che cantano la voglia di credere in un futuro migliore. All’ingresso di Aida, una grande porta blu ad arco, sovrastata da una chiave: è il simbolo di coloro che ancora credono di poter tornare un giorno nella casa lasciata dopo la guerra del 1948.

dalla nostra inviata Alessandra Fabbretti

14 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988