Mozambico, Riccardi (Sant'Egidio): "Legame storico. Lì per aiutare" - DIRE.it

Mondo

Mozambico, Riccardi (Sant’Egidio): “Legame storico. Lì per aiutare”

ROMA – “Sant’Egidio e’ una realta’ viva in Mozambico, con migliaia di donne, uomini e giovani che lavorano per gli altri, per i poveri e gli anziani”. Cosi’ oggi il fondatore della Comunita’, Andrea Riccardi, in occasione della visita del presidente Filipe Nyusi, per la prima volta in Italia in vista del 26esimo anniversario della pace firmata a Roma che pose finea alla guerra civile nel Paese africano. “Ventimila bambini grazie al nostro progetto Dream sono nati sani da madri sieropositive” ha ricordato Riccardi, per poi soffermarsi sul colloquio intrattenuto oggi con Nyusi. Il presidente, ha sottolineato Riccardi, “ha tenuto a spiegare cosa sta facendo per la pace: ha incontrato due volte il leader dell’opposizione, Afonso Dhlakama, ed e’ in contatto con il suo successore”. Riccardi ha aggiunto: “Abbiamo parlato di tante cose, tanti nomi e ricordi, perche’ tanta storia unisce Sant’Egidio al Mozambico”. Rispetto alla tutela dei diritti umani, che secondo le denunce di alcune ong sarebbero violati anche dalle forze governative, il fondatore della Comunita’ ha detto: “Abbiamo spiegato come noi la vediamo”. Un riferimento, questo, in particolare alla “sicurezza, nel nord e nelle citta’” e “alla situazione giovanile e della criminalita’”.

14 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»