Lega, ironia sul web: “Salvini è Zorro per questo ama le camicie nere”

La passione per la legittima difesa e le armi del ministro Salvini derivano dall’aver subito il furto all’asilo del pupazzetto di Zorro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Uscite zorro!” e’ il nuovo grido di battaglia dei progressisti sul web. Un modo per esorcizzare l’avversario Salvini lavorando sui traumi infantili. Appena appreso (dal libro di Chiara Giannini per Altaforte, “Io sono Matteo Salvini”) che la passione per la legittima difesa e le armi derivano al ministro Salvini dall’aver subito il furto all’asilo del pupazzetto di Zorro, e sui social network e’ partita la gara – condita di molta ironia – a riparare il torto subito dal leader leghista.

Quattromila e passa tweet in pochi minuti. L’eco del furto, nonostante i lustri trascorsi, sui social e’ stata quasi immediata. Qualcuno si stupisce. “Zorro? Per quello che se magna pensavo avesse il sergente Garcia come eroe preferito”, sibila F. F.. M. I. coglie l’occasione per un appello: “Bambino milanese, ma cazzo proprio a lui dovevi fregargli il pupazzetto di Zorro? Rendiglielo!”. S. R. ha una sua ricetta per lenire il dolore. “Dai su, date un costumino da Zorro a Giggino e facciamola finita”. L. P. azzarda una previsione: “E ora lanci continui di pupazzetti di Zorro sui palchi, striscioni di Zorro alle finestre e gente che fa il cosplay di Zorro ai suoi comizi”. “Avete presente la teoria del caos? Un bambino ruba un pupazzetto di Zorro all’asilo e dopo 40 anni ci ritroviamo Salvini al governo”, prova a spiegare G. S.. Piu’ politica la tesi di A. B.: “All’asilo gli rubarono il pupazzetto di Zorro. E quel giorno nacque anche la sua passione per le camicie nere, che non lo ha mai abbandonato”. M. F. prova invece a immedesimarsi. “Voleva diventare come Zorro. Ma dopo il furto ha ripiegato su Sancho Panza”.

(Foto di Piero Latino da Twitter)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»