Giornalisti contro gli insulti dei politici: oggi mobilitazione in tutta Italia

I giornalisti italiani in piazza in tutte le regioni per difendere la libertà di stampa e contrastare gli attacchi politici alla categoria

Condividi l’articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ‘Giù le mani dall’informazione’. I giornalisti italiani si mobilitano e oggi scendono in piazza in tutte le regioni d’Italia per difendere la libertà di stampa e contrastare la deriva di un linguaggio della politica fatto di insulti e minacce a chi ogni giorno svolge il proprio dovere di informare i cittadini. Attacchi a una categoria di professionisti, ma soprattutto all’articolo 21 della Costituzione e ai valori fondamentali della democrazia, che mettono a rischio il diritto ad essere informati.

Per questo la Federazione nazionale della Stampa italiana e le Associazioni Regionali di Stampa organizzano, oggi dalle 12 alle 13, dei flash mob nella piazze dei capoluoghi di regione per dire “Basta attacchi ai giornalisti” e “Giù le mani dell’informazione”.

Tutti gli appuntamenti:

A Roma l’appuntamento è in piazza dei Santi Apostoli.
A Milano in via Vivaio, angolo corso Monforte.
Ad Ancona in piazza del Plebiscito.
(Aosta in via di definizione).
A Bari in piazza Libertà.
A Bologna in via IV novembre.
A Bolzano in piazza del Grano.
A Cagliari in piazza Palazzo.
A Campobasso in piazza Municipio.
A Firenze in via Cavour.
A Genova, dalle 17.30 alle 18.30, in largo Lanfranco.
A Napoli in piazza del Plebiscito.
A Palermo in piazza Verdi, davanti al Teatro Massimo.
A Perugia in piazza Italia.
A Pescara in piazza Italia.
A Potenza in via Mazzini.
A Reggio Calabria in piazza Italia.
A Torino in piazza Castello, sotto i portici della prefettura.
A Trieste in piazza Unità d’Italia.
A Venezia davanti la sede del Tribunale, in piazzale Roma.

Alla mobilitazione hanno aderito finora: il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti e gli Ordini regionali dei giornalisti; Usigrai; Anpi; Articolo21; Associazione Amici di Roberto Morrione; Associazione Carta di Roma; Associazione Giulia Giornaliste; Libera; Libera Informazione; Associazione NoiAntimafia di Ostia; Progressi; Rete NoBavaglio; Riforma.it; Ucsi; Ungp; rappresentanti delle istituzioni locali.

GIORNALISTI. FATTORI: ORA SI DIMETTANO QUELLI ELETTI COI M5S

“Coerenza vorrebbe che per dimostrare la loro verginità tutti i giornalisti eletti col 5 stelle si dimettessero”. Cosi’ la senatrice M5s Elena Fattori su facebook.

Fattori aggiunge: “Se una forza politica sostiene con forza la necessità di non avere giornalisti faziosi, come conseguenza la coerenza imporrebbe di non candidare giornalisti. Sbaglio? Siamo portavoce, mi interessa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»