Cartoon protagonisti al “Natale delle meraviglie”

SAN MARINO – Gli eroi colorati che hanno accompagnato generazioni di bambini raccontate in “Cartoon Stars: 102 anni di cartoni in mostra“, ma non solo. Sul Titano, a dicembre, nella cornice de “Il Natale delle Meraviglie”, spiccano gli eventi dedicati al mondo fantastico dei cartoni animati, grazie a “FestAniMusic – Cartoons & musica a San Marino“, una rassegna di scintillanti iniziative ideata dai “professionisti della fantasia” Fabrizio Palaferri e Federico Fiecconi, che celebreranno la commistione tra musica e cinema d’animazione.

All’interno della rassegna “FestAniMusic” vi saranno proiezioni di film, laboratori per i più piccoli e incontri di approfondimento sul tema dell’animazione e sulla storia dei cartoon. Tra i tanti eventi in programma per 13 weekend fino al 21 febbraio 2016, spicca “Cartoon Stars 1914-2016 – la Mostra del Secolo del Cinema di Animazione”: l’esposizione mette in mostra preziosi materiali di produzione utilizzati per realizzare i film di celebri divi come Tom & Jerry, I Simpsons, Bugs Bunny, Paperino e tanti altri. All’interno della mostra, allestita nell’ex Galleria d’Arte Moderna, in Cantone Borghesi a San Marino, aperta fino al 21 febbraio del prossimo anno, esposti rarissimi pezzi unici, come un disegno originale da “Steamboat Willie”, il cartone del 1928 in cui debutta Topolino, e numerose opere delle grandi firme dell’animazione: Cavandoli, Walter Lantz, Chuck Jones.

In più, FestAniMusic coinvolgerà famiglie, adulti e bambini nel centro storico di San Marino per giocare e inventare, per intrattenersi con i concerti del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni e per imparare con laboratori, per festeggiare il 20° compleanno di Toy Story e vedere i più bei cartoni d’epoca o i nuovissimi video animati dello Zecchino d’Oro.

 

coro_antoniano

Coro Antoniano

13 Novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»