AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE ambiente

Incendi, l’allarme dell’Enpa: “Riforma dei parchi rende territorio più vulnerabile, fermatela”

vesuvio_incendio


ROMA – “Mentre l’Italia brucia, mentre il parco nazionale del Vesuvio vede in cenere i suoi alberi, vede morire i suoi animali, vede svanire il suo paesaggio prezioso, la commissione Ambiente del Senato prosegue a tappe forzate la discussione della ‘riforma’ delle aree protette; una legge pessima che, se approvata, renderà il nostro patrimonio ancora più indifeso ed esposto ad ogni tipo di speculazione e di assalto. Non più Bene Comune, ma riserva di affari in nome di uno sviluppo tutto localistico, piccolo e logoro”. E’ questa la posizione di Annamaria Procacci, responsabile biodiversità di Ente Nazionale Protezione Ambientale, nonché consigliera nazionale della più antica e importante associazione protezionistica d’Italia, fondata da Giuseppe Garibaldi nel 1871.

“Le fiamme che in questi giorni stanno devastando il territorio italiano da nord a sud- aggiunge Procacci- pongono con ancora più forza la questione della controriforma dei parchi naturali; dello smantellamento cioè di quel sistema di tutele previsto dalla legge 394/91 che per più di 25 anni ha permesso al nostro Paese di tutelare le sue riserve di biodiversità e che in queste settimane potrebbero andare in fumo ad opera del Senato.  E’ dunque imperativo che, di fronte alla devastazione del nostro Paese, venga bloccato ogni tentativo di stravolgere l’attuale sistema di tutele“.

Non può essere questa la risposta alla crisi ambientale che viviamo. Questo testo- prosegue Procacci- è stato scritto guardando al passato ed ad un futuro di bassissimo orizzonte: cos’altro si potrebbe dire dell’arretramento dello Stato nella gestione dei parchi nazionali? Della voluta mancanza dei reuisiti di competenza scientifica per i vertici di ogni area protetta? Delle porte aperte alle ‘doppiette’ con il pretesto della gestione della fauna?”

“Invochiamo- conclude l’esponente dell’Enpa- l’intervento dello Stato in un’area vitale che non può essere lasciata alla mercé degli interessi localistici; chiediamo che ci si occupi di un territorio spesso senza controlli sufficienti, che oggi paga anche il prezzo dello smantellamento del Corpo Forestale e della Polizia Provinciale voluto dal governo Renzi, smantellato da noi tante volte denunciato. Chiediamo soprattutto che si esca dall’emergenza legislativa della controriforma e si torni finalmente a parlare di una vera politica di tutela del territorio e della bidioversità”.

13 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988