Jumia, la e-commerce africana si quota a Wall Street

Opera in 14 Paesi dell'Africa e ha numeri dacapogiro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Jumia, start up nigeriana dell’e-commerce, e’ pronta a sbarcare a Wall Street. L’azienda, che nel 2016 si era guadagnata la tag di “unicorno” della vendita online superando un valore di un miliardo di dollari, ha consegnato i documenti per un’offerta pubblica alla borsa americana. L’azienda, fondata da due imprenditori francesi nel 2012, con sede a Lagos, opera in 14 Paesi dell’Africa e ha numeri da capogiro: quattro milioni di consumatori iscritti al sito web, sei milioni di prodotti a disposizione e 10mila venditori attivi.

La societa’, che non ha indicato per ora la valutazione delle azioni, presentando la documentazione alla borsa di New York ha avvertito che potrebbe non garantire il raggiungimento o il mantenimento della redditivita’ in futuro a causa di perdite accumulate nel tempo. Tra i fattori di incertezza messi in evidenza anche una rapina da 560mila dollari subita alla fine dell’anno scorso in un magazzino in Kenya.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»