VIDEO | Libano, Meloni: “Se in Siria si fa ancora il presepe è grazie agli Hezbollah”

Neanche alla presidente di Fratelli d'Italia è piaciuto il termine 'terroristi' usato da Matteo Salvini per gli Hezbollah

ROMA – Se in Siria “è ancora possibile fare i presepi, se ancora è possibile difendere la comunità cristiana, è anche grazie” a un fronte nel quale ci sono il governo di Bashar al Assad, la Russia, l’Iran e anche “le milizie libanesi di Hezbollah”. Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, risponde così al cronista che le chiede un commento sulla definizione di Hezbollah quali “terroristi islamici” data durante il viaggio in Israele, e poi confermata, dal vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno Matteo Salvini a proposito del movimento sciita.

Il fatto ha suscitato la preoccupazione del ministero della Difesa per la sicurezza dei militari italiani impegnati nella missione Unifil proprio sul confine tra Libano e Israele. Quando si tratta di geopolitica e di questioni internazionali “le semplificazioni non aiutano“, spiega Meloni davanti Montecitorio a margine di una manifestazione FdI contro la fattura elettronica.

“Non posso non pensare alle nuove vittime di un attentato terroristico, pare, in Francia- prosegue la presidente FdI- e non posso non ricordarmi che il terrorismo di casa nostra si ispira ed è spesso finanziato e sostenuto dall’Isis”. Isis che trova come oppositori in Siria “il governo di Assad, in un fronte nel quale ci sono la Russia, l’Iran e le milizie libanesi di Hezbollah”, ricorda Meloni. Detto questo “in Siria se è ancora possibile fare i presepi, se ancora è possibile difendere la comunità cristiana, è anche grazie a questo fronte”, conclude.

LEGGI ANCHE: Salvini: “Hezbollah terroristi islamici”. Difesa: “Preoccupazione e imbarazzo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

12 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»