Articoli

Istruzione, cultura e scienza: a Roma l’Anp premia le personalità meritevoli

ROMA – Pioggia di premi per la nona edizione di ‘Note di merito’ all’istituto Villa Flaminia di Roma. Un titolo non causale quello della manifestazione a cura dell’Associazione Nazionale Presidi che intende, appunto, valorizzare il merito, il talento e il contributo di studenti, insegnanti, presidi e professionisti in generale che hanno contribuito al al progresso della cultura italiana.

Persone che che si sono rese illustri, durante questi anni, perché impegnate in diversi settori sociali, formativi e intellettuali tra cui: Scienze storiche e morali; Scienze fisiche matematiche e naturali; Lettere; Filosofia; Storia; Arti; Medicina; Ingegneria; Giornalismo; Comunicazione; Imprese ad alto valore morale e umanitario. Tre riconoscimenti in totale: ‘Premio Romei’, ‘Premio Associazione Levi-Montalcini’ e ‘Premio eTutorWeb’. Quest’ultimo in particolare è indirizzato a personalità che diffondono la cultura delle moderne tecnologie in campo formativo, scientifico, medico, giornalistico e della comunicazione.

Tra le personalità premiate le scrittrici Chiara Gamberale e Dacia Maraini, il giornalista Aldo Cazzullo, il capo della Polizia Postale, Nunzia Ciardi, il sopravvissuto di Auschwitz Piero Terracina e il rettore dell’Università Niccolò Cusano, Fabio Fortuna. Durante l’evento inoltre sono state consegnate  borse di studio a studenti particolarmente meritevoli di scuola primaria, media, superiore e università.

A presentare l’evento, il vicepresidente dell’Anp, Mario Rusconi: “Oltre agli esponenti del mondo della scuola- ha detto quest’ultimo all’agenzia Dire- abbiamo deciso di aggiungere per questo premio, una serie di personalità del mondo della cultura o dell’ambito scientifico. Questo perché riteniamo molto importanti le loro azioni, attraverso i giornali, gli scritti in generale o i mass media, per far sì che le nuove generazioni siano sempre più consapevoli dell’uso dei mezzi di comunicazione e, allo stesso tempo, ‘vocati’ per le materie scientifiche”. In questa direzione, “va il premio dedicato a Rita Levi Montalcini con la quale ho collaborato per diversi anni”.

“Credo che questo sia un riconoscimento- ha invece ricordato il rettore Fortuna- che possono apprezzare sia coloro che lo ricevono, che date le personalità premiate, coloro che assistono alla cerimonia. Per molti anni ho insegnato negli istituti tecnici commerciali per poi approdare alla carriera universitaria prima, e diventare rettore poi. Per questo ritengo che la centralità dello studente debba essere tenuta nella massima considerazione come io stesso ho fatto in questi anni”.

12 aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»