Come sarà la Roma-Lido nel 2023: ecco tutti i cantieri

Trasformare la Roma-Lido dalla peggior ferrovia d'Italia ad un servizio di trasporto di qualità con caratteristiche simili a quelle di una metropolitana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Trasformare la Roma-Lido dalla peggior ferrovia d’Italia ad un servizio di trasporto di qualità con caratteristiche simili a quelle di una metropolitana: treni ogni 5-6 minuti (oggi sono, solo sulla carta, la frequenza si attesta a 10 minuti), 300 corse al giorno contro le 170 attuali, e 1800.000 persone trasportate. Questo l’obiettivo che si pone la Regione Lazio, che oggi ha sbloccato 180 milioni destinati a rivoluzionare la linea.

La Roma-Lido, la più nota tra le ferrovie cosidette ‘ex concesse’, è un’infrastruttura di proprietà della Regione Lazio gestita dal Comune tramite Atac. Una compartecipazione che ha bloccato per anni gli investimenti attesi. Il finanziamento di 180 milioni, chiesto e sbloccato dalla Regione Lazio, deriva dal Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020, uno strumento di finanziamento del Governo italiano.

Come saranno usati, nello specifico, queste risorse? Per prima cosa saranno acquistati 11 nuovi treni che permetteranno di far andare in pensione i vecchi ‘MA200’, in esercizio sulla linea insieme ad alcuni convogli ‘Caf’ simili a quelli circolanti sulle linee A e B. L’obiettivo principale sarà ammodernare e potenziare gli impianti di sistema e non di sistema per garantire una migliore frequenza e sicurezza e un servizio più confortevole.

Il finanziamento renderà possibile, tra le altre cose, il rinnovamento dell’armamento dei binari sull’intera tratta, la realizzazione di banchine di emergenza, interventi sugli impianti di segnalamento e telecomando, il potenziamento delle sottostazioni elettriche, l’adeguamento degli impianti con un restyling delle stazioni oltre ad interventi sulle opere civili su cavalcavia e sottovia.

Altri interventi sono la realizzazione di un impianto “Scada” per la supervisione e il telecomando di tutte le funzioni dei vari impianti e sistemi di informazione all’utenza nelle stazioni, compresa la realizzazione di un posto centrale Operativo ad Acilia, il completamento delle recinzioni lungo la linea ed il rinnovo della linea di contatto con catenaria rigida da Lido Centro a Porta San Paolo.

Il programma di lavori previsti dalla Regione ha come orizzonte temporale il 2023, con cantieri ipotizzati da fine 2019 al 2022. Tutti gli interventi sono finalizzati a migliorare la frequenza fino ad un treno ogni 5 minuti negli orari di punta. Come ad esempio quando il vicino e futuro stadio della Roma, quando sarà costruito, ospiterà una partita.

Questo è uno dei motivi per i quali il Comune di Roma guarda con molto interesse all’operazione messa in campo dalla Regione Lazio. L’intervento corre parallelo alle richieste emerse durante la conferenza dei servizi sul nuovo stadio e non fa parte della lista delle azioni necessarie per l’adegumento infrastrutturale a servizio della nuova arena di Tor Di Valle. Ma è ovvio come la Roma-Lido del futuro sarà di grande aiuto per i tifosi, e non solo, diretti nel nuovo stadio della Roma.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»